Reportage e senso della fotografia – Note a margine di Broken Landscape di Paolo Pellegrin

di Maurizio G. De Bonis

paolo_pellegrin-bosniaUna delle linee scelte da CultFrame per quel che riguarda la critica e la divulgazione della fotografia contemporanea concerne il tentativo di oltrepassare gli stereotipi legati alla retorica del fotoreportage per comprendere più a fondo quale sia il rapporto tra autore, realtà e sofferenza di popoli e individui. In tal senso, nell’aprile scorso abbiamo organizzato presso l’Istituto Superiore di Fotografia di Roma un convegno su “fotografia e guerra”, durante il quale sono intervenuti il sociologo Giovanni Fiorentino (L’occhio che uccide – Meltemi Editore, 2004) e l’artista israeliano Simcha Shirman. E’ stato un modo per guardare oltre e allo stesso tempo per parlare con chiarezza di etica della fotografia. Noi siamo tra coloro i quali pensano che la connessione tra fotografia e realtà sia estremamente labile e problematica. L’azione del fotografo è sempre e comunque parziale, dunque non in grado di raccontare la realtà ma solo di sezionarla e di riproporla in un quadro espressivo che attiene a una poetica individuale e non alla raffigurazione oggettiva degli eventi. Lo spirito etico che guida la sfera creativa di un fotografo è quindi centrale, il sintomo di un atteggiamento teso a rispettare il reale senza giocare la facilissima carta della retorica (nonché del politicamente corretto) che in genere nasconde solo un punto di vista e, nel profondo, l’amplificazione dell’ego artistico del fotografo.


Approfondiamo di nuovo questo argomento, parlandovi della mostra che raccoglie il lavoro degli ultimi quindici anni di Paolo Pellegrin. L’esposizione, allestita presso il Museo di Roma in Trastevere, è una sorta di percorso “storico” del lavoro di un fotografo che ha attraversato con il suo sguardo guerre, dolori, sofferenze, discriminazioni, povertà; tutti fattori che i suoi scatti portano alla luce in modo inequivocabile. Proprio il lavoro di Pellegrin rientra nel nostro discorso sul fotoreportage contemporaneo e ci impone una nuova rispettosa (del lavoro fotografico in questione) riflessione culturale e intellettuale che speriamo possa, molto sommessamente, stimolare il dibattito (quasi morto) della fotografia in Italia. Paolo Pellegrin è un eccellente fotografo, straordinario nell’esaltare le sensazioni da lui vissute nell’ambito delle sue “avventure”. Pellegrin, dunque, è bravo (lo ribadiamo con chiarezza), troppo bravo, però. Argomentiamo. Le immagini proposte in Broken Landscape sono incentrate su un sistema linguistico molto preciso. Enfatizzazione drammatica dell’inquadratura, uso evidentissimo di contrasti, cieli lividi, fortissima sgranatura del bianco e nero, angolazioni impressionanti. Si tratta di una tavolozza di segni che determinano un’architettura stilistica che si sovrappone in modo netto alla porzione di realtà prelevata dal fotografo. Dunque, all’atomizzazione dello spazio visibile si somma un potente intervento espressivo. Per tale motivo, non è a nostro avviso possibile affermare di trovarci di fronte al “racconto della realtà” bensì il fruitore interagisce emotivamente con una narrazione filtrata dall’animo del fotografo, il quale rielabora il mondo attraverso una riformulazione personale degli accadimenti; il tutto grazie a una “spettacolarizzazione” che spinge l’osservatore a confrontarsi con lo stile piuttosto che con l’oggetto contenutistico dell’immagine. Un’opera fotografica è il risultato della connessione e articolazione in un unico blocco comunicativo di segni linguistici coordinati per portare alla luce la storia personale dell’autore: il suo spirito, la sua formazione politico-culturale, la sua sfera emozionale, le sue idee. E’ il risultato di un’azione interpretativa non la registrazione di un fatto.


Non abbiamo dubbi sullo spirito profondamente umano che ha guidato lo sguardo di Pellegrin e, lo ripetiamo, sulle palesi capacità dell’autore di restituire nei suoi scatti le proprie sincere emozioni, ma appare altresì doveroso per chi riflette sul senso dell’arte fotografica rilevare che il pericolo di questo tipo di fotoreportage riguarda lo slittamento del senso, dagli aspetti morali concernenti il mostrare il dolore e le ingiustizie a quelli più soggettivi, seppur assolutamente legittimi, legati all’intervento autoriale sulle vicende della storia contemporanea. Così, scorrendo le opere di Broken Landscape scopriamo due sistemi espressivi divergenti: quello ultradrammatico relativo alla rappresentazione della guerra e delle sofferenze e quello infinitamente più poetico nel quale prevale un senso chiarissimo di umanità. Ci riferiamo, in quest’ultimo caso, agli scatti che Pellegrin ha effettuato in Cambogia, nei quali l’immagine appare meravigliosamente ripulita da orpelli linguistici e in grado di comunicare una toccante verità umana con nitida limpidezza. E’ l’apertura improvvisa verso l’abisso della tragedia umana senza sovrastrutture. Stesso discorso vale per alcuni intensi ritratti esposti.


Intendiamo dunque, con questo articolo, non banalmente criticare il lavoro di Pellegrin, da un punto di vista professionale di valore assoluto, quanto piuttosto stimolare addetti ai lavori e appassionati a ripensare la fotografia, intesa non come arte che riproduce oggettivamente la realtà ma come forma espressiva che veicola attraverso dei segni un pensiero basato su un’interpretazione di tipo culturale degli eventi. Ebbene, non è il caso di Pellegrin a cui abbiamo sentito pronunciare parole di estrema sensibilità, ma siamo certi che il mondo del fotoreportage contemporaneo non sia vittima di un fuorviante protagonismo e non si limiti a essere la manifestazione della superficialità di fotografi che vogliono semplicemente dimostrare quanto siano coraggiosi e abili a districarsi in situazioni difficili, dunque stimabili?

©CultFrame 07/2007

 

IMMAGINE

©Paolo Pellegrin/Magnum Photos. Bosnia, Children, 1996

INFORMAZIONI MOSTRA

Broken Landscape, mostra di Paolo Pellegrin

Dall’1 giugno al 9 settembre 2007

Museo di Roma in Trastevere / Piazza Sant’Egidio 1b / Telefono: 0682059127

Martedì – domenica 10.00 – 20.00 / chiuso lunedì

Intero 5,50 euro / Ridotto 4 euro

Cura: Giuseppe Prode

 

LINK

CULTFRAME. Reportage e senso della fotografia. Il dibattito in corso

CULTFRAME. Reportage e senso della fotografia. Continua il dibattito critico

Museo di Roma in Trastevere

Tags: , , , , , , , ,

Lascia un commento

Newsletter

Iscriviti alla newsletter di CultFrame - Arti visive

MOSTRA DEL CINEMA DI VENEZIA


LEONE D'ORO per il miglior film
A Pigeon Sat on a Branch Reflecting on Existence di Roy Andersson

LEONE D'ARGENTO per la migliore regia
Le notti bianche del postino (The Postman’s White Nights) di Andrey Konchalovsky

GRAN PREMIO DELLA GIURIA
The Look of Silence di Joshua Oppenheimer

COPPA VOLPI per la migliore interpretazione maschile e femminile a Adam Driver e Alba Rohrwacher
Hungry Hearts di Saverio Costanzo
(su Punto di Svista)

PREMIO PER LA MIGLIOR SCENEGGIATURA
Tales di Rakhshan Banientemad

PREMIO SPECIALE DELLA GIURIA
Sivas di Kaan Mujdeci

CONCORSO
Pasolini di Abel Ferrara

CONCORSO
Red Amnesia di Wang Xiaoshuai

CONCORSO
Nobi di Shinya Tsukamoto

FUORI CONCORSO
La trattativa di Sabina Guzzanti

CONCORSO
Loin des hommes di David Oelhoffen

CONCORSO
Il giovane favoloso di Mario Martone

CONCORSO
The Cut di Fatih Akin

GIORNATE DEGLI AUTORI
The Smell of Us di Larry Clark

FUORI CONCORSO
Tsili di Amos Gitai

SETTIMANA INTERNAZIONALE DELLA CRITICA
Villa Touma di Suha Arraf

CONCORSO
Tre cuori di Benoit Jacquot

CONCORSO
Anime nere di Francesco Munzi
(su Punto di Svista)

CONCORSO
Manglehorn di David Gordon Green

FUORI CONCORSO
L’umiliazione di Barry Levinson

FUORI CONCORSO
La rançon de la gloire di Xavier Beauvois

FUORI CONCORSO
She’s Funny That Way di Peter Bogdanovich

FUORI CONCORSO
In the Basement di Ulrich Seidl

CONCORSO
99 Homes di Ramin Bahrani

ORIZZONTI
The President di Mohsen Makhmalbaf

CONCORSO
Birdman di Alejandro G. Inarritu

GIORNATE DEGLI AUTORI
One on One di Kim Ki-duk

GIORNATE DEGLI AUTORI
MESSI di Alex de la Iglesia

Archivi