Suddenly in the Dark ⋅ Un film di Young Nam Ko

Suddenly in the Dark è il titolo americano di un film sud-coreano del 1981 di cui non si ha generalmente memoria anche perché non è mai uscito nel nostro paese (come tra l’altro nessun’altra pellicola del suo regista Young Nam Ko… e dire che ne ha firmate più di di 100) e mai edito in dvd, se non in questa versione in blu Ray della Mondo Macabro. Che peccato per un film che deve molto al cinema italiano e anche ovviamente a quello dell’Est.

Suddenly in the Dark, conosciuto anche come Suddenly in Dark Night, e anche come Suddenly at Midnight, è un horror che viene realizzato prima che noi sapessimo che i coreani fossero capaci di girare opere di genere molto simili alle nostre (forse suggestionate dalle nostre?). Si tratta di thriller sanguinolenti e psicologici che, di conseguenza, hanno molto influenzato anche molta tv e cinema delle ultime generazioni. Ma questo è accaduto molti anni più tardi. Una giovanissima donna di servizio, portata dal marito della coppia nella sua famiglia, sconvolge gli equilibri del focolare borghese.

Vogliamo trovare dei riferimenti? Chiaramente Teorema di Pasolini, con Terence Stamp che arriva  a sconvolgere una famiglia dell’alta borghesia industriale del Nord Italia. Tutto ciò anche perché la giovane donna attira sessualmente sia la moglie inibita che il marito. La ragazza è come la figlia di una “sciamana”: porta con sé una bambola di legno che crea scompiglio nella sua psiche provocando molti sogni psichedelici.

Per le scelte cromatiche possiamo scomodare Inferno di Dario Argento e Gli orrori del castello di Nuremberga di Bava e, sempre di Bava, Reazione a catena, soprattutto per quel che riguarda il personaggio del padre che di mestiere fa l’entomologo e dedica ai suoi esperimenti, con delle “innocenti” farfalle, la stessa cura di Leopoldo Trieste nella pellicola del maestro sanremese. Il resto appartiene alla cultura pagana sud-coreana e, soprattutto, a un capolavoro come Hanyo del 1960 che ha una trama simile (anche se piena di ironia che il film di Young Nam Ko non contempla).

Il regista, attraverso una storia apparentemente banale (ma che diventa sempre più inquietante mentre volge alla fine), rischia un’analisi profonda della situazione del suo paese, un paese con grosse differenze sociali ed economiche che vengono messe in risalto grazie alla figura della giovane “sciamana” e ai membri della famiglia che la ospita.

Ci troviamo a che fare con un racconto che oscilla tra il realistico e l’onirico e che ci impedisce di decifrare lo svolgersi degli eventi, almeno dal punto di vista cronologico; inoltre, come in Marnie di Hitchcock, i dettagli vengono messi in risalto in maniera iperrealistica senza perdere mai di vista la suspense che in Suddenly in the Dark si dipana inesorabile creando un clima di paranoia senza precedenti. Da questo punto di vista Young Nam Ko non dimentica la lezione polanskiana di Repulsion e de L’inquilino del terzo piano. Ed è cosi che il bagaglio che la giovane si porta appresso, un bagaglio pagano e superstizioso, viene in contatto con quello borghese, e senza troppi scrupoli, della famiglia “ospite” e finisce per generare un legame esplosivo che porta alla follia, all’omicidio e alla crudeltà.

Siamo grati a Mondo Macabro che ha dedicato al film un interesse così importante e soprattutto per i molti extra che contiene il blu ray: interviste con i produttori e importanti critici sud coreani, una gallery con i poster del film ed, infine, anche un book let. Non solo per gli appassionati.

© CultFrame 04/2020

TRAMA
Un professore di biologia, interessato allo studio delle farfalle, porta a casa sua come domestica che, essendo figlia di un “sciamana”, porta a casa sua la magia nera con delle conseguenze tragiche.

CREDITI
Titolo: Suddenly in the Dark / Titolo originale: Gipeun Bam Gabjagi /Regìa: Young Nam Ko / Sceneggiatura: Sam-yuk Yoon / Fotografia: Pil-shi Jeong / Montaggio: Dong-Chun Hyeon / Musica: Jong-hyeok Choi / Interpreti principali: Yeong-ae Kim, Ki-seon Lee, Hye-ri Han /Produzione: Jong-ho Seo / Paese: Sud Corea / Anno: 1981 / Durata: 101 min (uncut)

1 Shares: