The Sisters Brothers. Un film di Jacques Audiard. Miglior regia alla 75° Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia

jacques AudiardPoteva il regista di film come Sulle mie labbra (2001), Tutti i battiti del mio cuore (2005) e Il profeta (2009) opporsi al richiamo terribilmente irresistibile (specie per un cineasta europeo) del genere western? Evidentemente no. Jacques Audiard, infatti, non si è trattenuto e ha sfornato l’ennesimo lungometraggio sul far west post-ultra-crepuscolare: The Sisters Brothers.

Quello del western è una specie di virus pernicioso: sembra sempre quasi del tutto sconfitto, debellato definitivamente, ma in verità si annida, silente e subdolo, in angoli reconditi delle menti (e dei cuori) dei registi per venir fuori più forte di prima quando le difese “immunitarie” si abbassano.

Detto ciò, l’opera di Jacques Audiard è pur sempre un prodotto assolutamente godibile e girato anche con discreta perizia di tipo tecnico. Non procediamo, dunque, a una feroce, ovvia, stigmatizzazione di questa operazione produttiva e ci limiteremo bonariamente a evidenziare i cliché che sono rintracciabili e che, ad esempio, differenziano The Sisters Brothers dall’opera del tutto personale di Joel e Ethan Coen La ballata di Buster Scruggs.

Jacques Audiard

Il cineasta parigino è totalmente fuori dal suo territorio e così ecco affiorare i soliti elementi (privi di qualsiasi elaborazione autoriale/innovativa): la frontiera, la ricerca dell’oro, le sparatorie, i saloon, le prostitute dei saloon, i brutti sporchi e cattivi che diventano buoni. E poi: la natura selvaggia, le montagne impervie, i villaggi fangosi, i lunghi trasferimenti a cavallo. Audiard ci risparmia, però, i nativi americani malvagi e primitivi.

Jacques AudiardNon ci sarebbe molto altro da dire su questo prodotto cinematografico, se non che la sua durata (non breve) di 120 minuti non risulta molesta e lo spettatore finisce per immedesimarsi nella vicenda un po’ delirante dei due fratelli protagonisti che ne passano di tutti i colori fino a una conclusione molto (troppo) consolatoria.

Unico vero accento di critica storico/politica (ammesso che sia possibile esprimersi così) è la rappresentazione piena di biasimo, molto netta e inequivocabile nei riguardi della ricerca della ricchezza portata avanti dai “fratelli-sorelle” (gioco di parole presente nel titolo) e dai loro due compagni di avventure, i quali per la (comprensibile) brama di accaparramento dell’oro finiranno per farsi molto, ma molto, male. Che sia un riferimento al capitalismo statunitense di oggi?

© CultFrame 09/2018

TRAMA
Charlie ed Eli lavorano per il Commodoro, il quale di volta in volta da loro l’incarico di scovare degli individuarli e di ucciderli. I due non si fanno scrupolo di eliminare persone, fino a quando tenteranno la strada della ricerca dell’oro. Al Commodoro questa loro scelta non andrà molto bene.

CREDITI
Titolo: The Sisters Brothers / Regia: Jacques Audiard / Sceneggiatura: Jacques Audiard, Thomas Bidegain (dal romanzo “The Sisters Brothers” di Patrick deWitt) / Montaggio_ Juliette Welfling / Fotografia: Benoît Debie / Scenografia: Michel Barthélémy / Musica: Alexandre Desplat / Interpreti: Joaquin Phoenix, John C. Reilly, Jake Gyllenhaal, Riz Ahmed / Produzione: Why Not Productions, Page 114, Annapurna Pictures,  France 2 Cinéma, France 3 Cinéma, UGC / Paese: Francia, Belgio, Romania, Spagna / Durata: 120 minuti


SUL WEB

Filmografia di Jacques Audiard
Mostra Internazionale del Cinema di Venezia – Il sito