Out of the Furnace. Un film di Scott Cooper. Festival Internazionale del Film di Roma 2013. Concorso

Prendi un gruppo di attori di evidente bravura, costruisci una storia ambientata nella sperduta provincia americana, utilizza i principi contenutistici del western, inserisci un po’ di reducismo dalla guerra e di cinema carcerario, ed anche un pizzico di malattia e di amore impossibile, metti al centro l’eroe anonimo che si fa giustizia da solo perché lo Stato non riesce.
Bene, se riesci ad avere a tua disposizione questi ingredienti, avrai la possibilità di edificare il film perfetto, un prodotto ben confezionato, con le apparenze di un’opera d’autore ma l’anima di un’operazione profondamente commerciale.

Questo è il caso di Out of the Furnace, pellicola di Scott Cooper ambientata tra montanari malviventi e drogati, acciaierie malsane, carceri pericolose e cittadine degradate. In questo mondo si muovono Russell e suo fratello Rodney. Il primo lavora in fabbrica ma la sfortuna lo porterà in carcere facendogli anche perdere l’amore, il secondo è il classico reduce dall’Iraq, ormai non più recuperabile umanamente e socialmente.

A sostenere questo film un cast decisamente significativo: Christian Bale, Woody Harrelson, Casey Affleck, Forest Whitaker, Willem Dafoe e Sam Shepard. Scott Cooper ha dunque giocato facile affidandosi ad attori di una straordinaria solidità, a una sceneggiatura prevedibile, a un’atmosfera visiva già ampiamente vista nella storia del cinema americano del XX secolo. L’eroe (Russell/Bale) alla fine farà tutto da solo di fronte all’inettitudine della Polizia, così quella che sembra essere una vendetta è “in verità” l’applicazione di una giustizia fai da te.

Il regista narra questa scontatissima vicenda in modo molto professionale, anche se con qualche rigidità e tramite alcuni passaggi un po’ approssimativi. Le sue inquadrature sono classiche, ben calibrate sotto il profilo cromatico e con un uso sapiente dei chiaroscuri e dei contrasti. Il film scorre in modo totalmente fluido ma lo spettatore sa esattamente cosa accadrà inquadratura dopo inquadratura, per non parlare poi della gigantesca ovvietà di una conclusione che chiunque sia appassionato di cinema ha già visto centinaia di volte.

© CultFrame 11/2013

 

TRAMA
Russell è un operaio di un’acciaieria. Suo fratello è un reduce dall’Iraq e ha moti problemi, suo padre in fin di vita per una grave malattia. Finito in carcere per mera sfortuna, Russell tornerà a casa trovando una situazione preoccupante. Il fratello è finito nel giro sporco dei combattimenti clandestini a mani nude. E proprio in occasione di un incontro di boxe illegale troverà la morte. Da questo momento, lo scopo di Russell sarà solo quello di farsi giustizia da solo.


CREDITI

Titolo: Out of the Furnace / Regia: Scott Cooper / Sceneggiatura: Brad Inglesby, Scott Cooper / Fotografia: Masanobu Takayanagi / Montaggio: David Rosenbloom / Scenografia: Thérèse DePrez / Musiche: Dickon Hinchliffe / Interpreti: Christian Bale, Woody Harrelson, Casey Affleck,  Forest Whitaker, Willem Dafoe, Sam Shepard / Produzione: Michael Costigan, Leonardo DiCaprio, Ryan Kavanaugh, Jennifer Davisson Killoran, Ridley Scott, Tony Scott, Brooklyn Weaver / Paese: USA / Anno: 2013 / Durata: 116 min.

LINK
Filmografia di Scott Cooper
Festival Internazionale del Film di Roma – Il sito