L’amore sospetto. Un film di Emmanuel Carrère

emmanuel_carrere-amore_sospettoProveniente da La Quinzaine des Realizateurs del Festival di Cannes 2005 (dove si è aggiudicato il premio per il miglior film), è giunto nel circuito distributivo italiano L’amore sospetto, lungometraggio diretto dallo scrittore e sceneggiatore francese Emmanuel Carrère. L’opera è tratta da un romanzo precedentemente firmato dallo stesso cineasta transalpino e si colloca nel ristretto novero di pellicole significative di questo scampolo di stagione 2005-2006 che in genere sta riservando solo proposte mediocri.
Anzi, per essere precisi, L’amore sospetto è un film di notevole rilevanza, un testo audiovisivo su cui vale la pena di riflettere approfonditamente.

Vicenda dai tratti enigmatici, misteriosi e inquietanti, quella che costituisce la colonna vertebrale di questo film è una lenta, inesorabile, discesa nell’abisso del non senso, la presa d’atto attonita e disperata dell’impossibilità di decifrare la realtà.

Ma L’amore sospetto, come tutte le grandi opere, possiede una stratificazione concettuale che non può essere sintetizzata in un’analisi affrettata.


Il primo elemento che emerge riguarda la decodificazione del corto circuito che può verificarsi all’interno di una coppia consolidata. La coppia protagonista, come a volte accade nella vita di tutti i giorni, conduce un’esistenza apparentemente simbiotica ma in verità è incastrata in meccanismi automatici che ottundono la capacità di interazione e di critica oggettiva tra gli individui.

Lo strato successivo riguarda quella che possiamo definire l’angoscia della realtà, cioè le nevrosi che l’incapacità di decrittare il mondo genera in quelle persone che, proprio perché estremamente razionali, improvvisamente non riescono più a percepire il senso di ciò che risulta visibile.

Continuando questo percorso nell’abisso del non senso, cogliamo un’ulteriore zona di riflessione, all’interno della quale i soggetti umani, compiendo un’opera di relativizzazione di ogni fattore concreto, finiscono per non riconoscere più la propria immagine, per distaccarsene totalmente provocando negli altri una reazione difensiva che prevede la non accettazione delle mutazioni, in special modo quelle interiori.
Infine, approdiamo allo strato del sogno, in quel territorio dove tutto è possibile e le coordinate del reale si confondono in un magma di sensazioni e visioni non più controllate dalla ragione borghese. E’ lì che affiorano le nostre paure e le nostre fragilità, è in quel luogo spaventoso che forse siamo finalmente noi, in tutta la nostra umana debolezza e tragica solitudine.


Emmanuel Carrère ha costruito una storia di grande equilibrio espressivo, facendo sua la sublime lezione del surrealismo, cioè non sfruttando trucchi o manipolazioni ma semplicemente utilizzando in modo incongruente i segni della realtà, elaborando sequenze paradossali attraverso una regia anonima e corretta e stravolgendo la consequenzialità cronologica del racconto. In tal senso, L’amore sospetto è un lungometraggio profondamente buñueliano, con venature che possiamo collocare in un’area concettuale pirandelliana.
L’amore sospetto è dunque un film colto e complesso, che va guardato con occhi liberi da schematizzazioni narrative, le quali possono bloccare l’anarchia onirica di questo pregevole lavoro. Carrère ha perfino azzeccato il commento musicale affidato ad una composizione di uno degli astri della musica contemporanea: Philip Glass.

Da notare, infine, come il lavoro di Emmanuel Carrère sia supportato in maniera praticamente perfetta dai due protagonisti: Vincent Lindon, molto bravo nel raffigurare lo straniamento psicologico vissuto dal personaggio chiave attraverso una recitazione misurata ed elegante, ed Emmanuelle Devos, attrice sensuale e sofisticata, dotata di un’innata capacità di occupare lo spazio visivo con naturale raffinatezza e di uno sguardo allo stesso tempo profondo e morbido.


©CultFrame 06/2006

 

 

TRAMA

Marc vive a Parigi insieme alla moglie, in una bella casa. La sua è una vita apparentemente sicura, ben orchestrata. Un giorno, però, prende la decisione di tagliarsi i baffi, che porta da moltissimi anni. Dopo aver compiuto questa operazione succede qualcosa di strano: sia la moglie che i suoi amici più cari sembrano non accorgersi della novità. Questa stranezza inizia a tormentare Marc, il quale all’inizio cercherà di convincere la consorte di quanto gli sta accadendo poi entrerà in un vero e proprio incubo. Incapace di trovare una spiegazione a questa assurdità, Marc si lascia trasportare dall’angoscia e dalla paura e deciderà di fuggire, da tutti e da tutto.

CREDITI

Titolo: L’amore sospetto / Titolo originale: La moustache / Regia: Emmanuel Carrère / Sceneggiatura: Jérôme Beaujour, Emmanuel Carrere / Dal romanzo di E. Carrere La Moustache / Fotografia: Patrick Blossier /  Montaggio: Camille Cotte / Scenografia: Françoise Depertuis / Musiche: Philip Glass / Interpreti: Vincent Lindon, Emmanuelle Devos / Produzione: Les Films des Tournelles, Pathe Renn Production, France 3 Cinema / Distribuzione: Nexo / Paese: Francia, 2006 / Durata: 86 minuti

 

LINK

Filmografia di Emmanuel Carrère

Nexo