Uppercut. Videoclip dei Motel Connection

motel_connection-uppercut1È stato recentemente distribuito nel circuito commerciale il video Uppercut, secondo singolo estratto dal nuovo album HEROIN del gruppo torinese di musica elettronica Motel Connection. La formazione – composta dal cantante dei Subsonica Samuel, il dj house Pisti e l’ex bassista dei Subsonica Pierfunk – ha intrecciato sin dall’esordio (avvenuto dieci anni fa) un’interessante relazione con varie forme espressive. I loro primi lavori, infatti, sono consistiti in sonorizzazioni di mostre e installazioni artistiche; poi, hanno realizzato la colonna sonora per due film di Marco Ponti, facendo uscire peraltro un cd doppio in cui, oltre alle musiche del film A/R Andata + Ritorno, proponevano una raccolta di canzoni di gruppi alternativi della scena torinese. E, ancora, hanno affidato la realizzazione dei ritratti da mettere sul loro sito a Paolo Pellegrin, fotoreporter romano dell’agenzia Magnum, il quale li ha immortalati in scatti dai tratti estetizzanti e dai toni drammatici. Infine, il video che accompagnava la canzone Two, uscita fra fine 2002 e inizio 2003, è uno dei più originali realizzati nel panorama italiano. Perciò, un gruppo con una simile sensibilità artistica ha scelto di proporsi per Uppercut in un videoclip apparentemente semplice, ma molto ben studiato.

Per il singolo i tre si sono affidati all’esperienza di Cosimo Alemà il quale, insieme a Gaetano Morbioli, è uno dei registi a cui i cantanti italiani si rivolgono più frequentemente. Alemà ha girato oltre duecento videoclip, fra i quali vanta In Italia con Fabri Fibra e Gianna Nannini o il più recente Adesso è facile con Manuel Agnelli e Benedetta Mazzini nei panni di Mina. Anche in Uppercut il regista, che si definisce una via di mezzo fra un artigiano e un creativo, cerca di tradurre visivamente al meglio la canzone, provando a equilibrare il rispetto del gusto italiano, l’esigenza dei musicisti di comparire nel video e una certa dose di originalità. La canzone richiama uno scontro: il titolo è un termine tratto dal gergo pugilistico che significa “montante” (il colpo sferrato dal basso verso l’alto); inoltre, nel testo, Samuel ripete spesso ‘Colpiscimi’. Nel video lo scontro viene interpretato come una resa dei conti fra due amanti giunti al capolinea. Assistiamo alla vicenda di un ragazzo che, dopo aver provato a telefonare invano a un numero staccato, gira per le vie di una città francese chiedendo alle passanti di scattare una foto insieme a loro.
Soltanto alla fine si scopre il senso del suo agire; infatti, vediamo una ragazza nella propria camera da letto, mentre osserva arrabbiata le foto scattate dal ragazzo e che vengono mostrate in uno slide show che accelera via via.

motel_connection-uppercut2Questa vicenda è alternata alla “storia” dei Motel Connection che raggiungono a piedi un punto della stessa città dove si esibiscono sul ciglio di una strada, tant’è che verso la fine osserviamo il protagonista che si ferma per un momento ad assistere all’esibizione del gruppo. La forza del video sta sia nel ritmo del montaggio che si sposa perfettamente con quello della canzone, sia nella sensazione di naturalezza dovuta al tipo di fotografia scelta e all’utilizzo della camera a spalla, sia nella composizione fra le due storie che non appare per nulla forzata e risolve egregiamente la necessità di far vedere i musicisti senza obbligarli a recitare.
La canzone diventa così parte integrante della storia narrata che, più che un semplice videoclip, sembra un vero e proprio cortometraggio. Tutto ciò è sottolineato anche dall’inserimento dei rumori di fondo, come il messaggio in risposta alla telefonata, la partenza di un aereo, le macchine e gli autobus che passano anche davanti al gruppo mentre suona, la macchina fotografica che scatta, una televisione accesa.

Uppercut è un video curato, ma per nulla artefatto. Peccato soltanto che nella messa in onda televisiva sia difficile vederlo integralmente e quindi apprezzare anche la conclusione nella quale osserviamo, ora che il brano e quindi anche l’esibizione sono conclusi, i musicisti che camminano a piedi per le strade affollate della città.

©CultFrame 04/2010


CREDITI

Video: Uppercut / Regia: Cosmo Alemà / Interprete: Motel Connection / Album: HEROIN / Etichetta: Universal Music

LINK
CULTFRAME. In Italia. Videoclip di Fabri Fibra (feat. Gianna Nannini). Regia di Cosimo Alemà
Sito dei Motel Connection
Universal Music