Infiniti sensi. Precise direzioni. 31° Torino Gay & Lesbian Film Festival

Frame tratto dal film “Un chant d’amour” di Jean Genet (1950)
Frame tratto dal film “Un chant d’amour” di Jean Genet (1950)

Ha da poco passato i trent’anni, attestandosi come una delle principali manifestazioni italiane dedicate al mondo omossessuale. A partire dal 4 maggio 2016, al Cinema Massimo di Torino, si accenderanno i riflettori sulla nuova edizione del festival fondato e diretto da Giovanni Minerba contraddistinta da un sottotitolo che riassume sinteticamente la sua storia e i suoi obiettivi: Infiniti sensi. Precise direzioni.

La rassegna è dedicata quest’anno a Gianni Rondolino (con la proiezione di Un chant d’amour di Jean Genet, che Minerba ha raccontato furono lui e Ottavio Mai a far vedere per la prima volta a Rondolino, al quale piacque al punto da chiedere venisse proiettato tutte le sere della seconda edizione del loro festival, allora chiamato “Da Sodoma a Hollywood”) e comprendente anche un omaggio a Ettore Scola (con Una giornata particolare nella copia restaurata dalla Cineteca Nazionale, presentato dalla figlia Silvia) e un ricordo di David Bowie, con una selezione dei suoi videoclip più significativi realizzata in collaborazione con il festival Seeyousound.

L’apertura, il 4 maggio alle 20.30, prevede un’anteprima di richiamo con Stonewall di Roland Emmerich, interpretato da Jeremy Irvine, Jonathan Rhys Meyers e Vladimir Alexis e ambientato nella scena LGBT del Greenwich Village nella New York del 1969. L’ultima serata sarà invece dedicata al tema attuale delle adozioni da parte di coppie omosessuali con Baby Steps di Barney Cheng, prodotto da uno degli storici produttori di Ang Lee, Li-Kong Hsu.

Frame tratto dal film “Stonewall” di Roland Emmerich (2015)
Frame tratto dal film “Stonewall” di Roland Emmerich (2015)

Le sezioni competitive principali sono quella riservata ai lungometraggi, con nove opere provenienti da tutto il mondo, quella per i cortometraggi e il premio Queer, per il quale concorreranno altri sette lunghi. Accanto a queste, nel programma di Extra (fuori concorso), si vedranno quasi cinquanta altre opere di vari formato e durata, divise in sottosezioni, tra Italia, India, Tunisia, ecc. tra cui si segnala il biopic della regina Cristina di Svezia diretto da Mika Kaurismaki, The Girl King.

Frame tratto dal film “Tomcat” di Klaus Händl (2016)
Frame tratto dal film “Tomcat” di Klaus Händl (2016)

Anche quest’anno, come già in passato, si conferma molto stretto il legame tra la rassegna torinese e il grande festival europeo che dedica maggior attenzione alle tematiche LGBT: ci riferiamo naturalmente alla Berlinale e alla sua sezione Panorama, da cui provengono alcuni film del concorso, come Théo et Hugo dans le même bateau di Olivier Ducastel e Jacques Martineau o l’austriaco Kater (Tomcat) di Klaus Händl, e anche alcuni dei titoli di Extra, come Kiki di Sara Jordenö, che racconta l’omonimo movimento performativo attivo nella scena omosessuale afroamericana newyorkese.

Inoltre, verrà proiettato a Torino anche Welcome All Sexes: 30 Jahre Teddy Awards di Rosa von Praunheim, omaggio del regista al premio che la Berlinale assegna ogni anno ai film a tematica LGBT, e che fu creato nel 1987 proprio da quel Wieland Speck che anche oggi cura Panorama e che è stato invitato con Paola Turci e Alessandro Borghi a far parte della giuria del concorso principale del 31° festival torinese.

Tra incontri in università, proiezioni con dibattito sul fenomeno del bullismo rivolte agli studenti medi e altri eventi, il Torino Gay&Lesbian Film Festival propone ancora una volta al pubblico curioso la possibilità di vedere sullo schermo un modo diverso di vivere e rappresentare l’amore, il sesso e la vita.

© CultFrame – Punto di Svista 04/2016

INFORMAZIONI
31° Torino Gay & Lesbian Film Festival
Dal 4 al 9 maggio 2016
Proiezioni: Multisala Cinema Massimo / Via Verdi 18, Torino / Telefono: 011.8138574
Biglietto: serate di apertura e di chiusura: € 10,00 / Biglietto intero € 7,00 ridotto a € 5,00 e € 5,00 ridotto a € 3,00 / Abbonamento ordinario per tutta la manifestazione (a esclusione della serata di apertura): Intero € 80,00 / Ridotto € 60,00 / Riduzioni: AIACE, maggiori di 65 anni

SUL WEB
Gay & Lesbian Torino Film Festival – Il sito