Basta che funzioni. Un film di Woody Allen

di Maurizio G. De Bonis

woody_allen-basta_che_funzioni1La sceneggiatura era stata scritta quaranta anni fa e conteneva tutti gli elementi che poi sarebbero diventati tipici della poetica del suo autore. Dopo quattro decenni, Woody Allen ha così rispolverato un copione che non aveva mai portato sul grande schermo. Perché mai compiere una simile operazione? Per mancanza di idee? Per rispettare i tempi della sua creatività, cioè fare almeno un film l’anno? Ma la domanda più importante è: Basta che funzioni è un lungometraggio che appare datato oppure no?

Si, in parte sembra un’operazione decisamente datata poiché ripropone in modo molto preciso stilemi intorno ai quali Allen ha edificato la sua intera carriera. Da un altro lato però, il “ritorno” a Manhattan, al palcoscenico newyorkese, sembra aver rimesso un po’ le cose a posto, dopo le esperienze vagamente velleitarie e autoriali vissute in Europa. Ma c’è ancora un altro fattore da evidenziare. La sceneggiatura di Basta che funzioni, ancorché assurda e densa di giganteschi buchi, contiene ruvidità contenutistica, cinismo e cattiveria esistenziale: tutte componenti della poetica alleniana che avevano perso di smalto nell’ultimo periodo. Il pessimismo cosmico dell’autore di Io e Annie non era certo svanito ma si era incartato in trame troppo (apparentemente) “alte” per potersi manifestare in tutta la sua causticità.

 

Basta che funzioni è un lungometraggio, invece, quasi senza pretese artistiche, che va diritto al centro del problema. Ha senso la vita? Vale la pena abbandonarsi ai sentimenti? Che vuol dire avere fede religiosa? Sarebbe possibile una vita totalmente isolata, lontana dalle convenzioni umane e borghesi?

Il personaggio principale è un ex uomo di successo, uno scienziato che dopo crisi depressive e un tentativo di suicidio ha deciso di togliersi dal suo ambiente, di ricominciare da capo senza usufruire della posizione dominante che la società gli aveva assegnato. Ovviamente, è un tentativo impossibile, quello organizzato narrativamente da Allen. Si tratta semplicemente di un escamotage, per spingere il suo personaggio a dire, senza usare giri di parole, ciò che qualsiasi essere umano non credente e colto direbbe della religione, della società, delle relazioni umane.    

È superfluo dire come Boris Yellnikoff (il protagonista) sia l’alter ego di Woody Allen e come rappresenti il personaggio perfetto per veicolare contenuti di tipo pessimistico sulla realtà e sul mondo. Larry David, più noto come sceneggiatore e produttore televisivo, sembra trovarsi perfettamente a suo agio nei panni “gemello” di Allen; d’altronde entrambi provengono dalla stessa cultura ebraico-newyorkese che ha generato nei decenni artisti e intellettuali di notevole spessore.

 

woody_allen-basta_che_funzioni2In Basta che funzioni l’aspetto più facilmente riconoscibile è quello riconducibile alla sfera della comicità. Il film è attraversato in lungo e in largo da battute che ovviamente strappano il sorriso, ma il nucleo contenutistico è una di una tragicità sconvolgente. Si avverte, lungo tutta la sua durata, l’esigenza da parte di Allen di stemperare il dramma di fondo che avvolge Yellnikoff attraverso l’uso dell’ironia e di meccanismi linguistici stranianti. Tra questi, la parte del leone la fa lo sguardo in macchina del protagonista. Quest’ultimo entra ed esce dalla finzione del racconto per rivolgersi direttamente allo spettatore in sala e per confessargli le sue disperate riflessioni sul non senso di tutto. 

Non sarà certo un film all’altezza di Manhattan, Io e Annie, Hannah e le sue sorelle e Crimini e Misfatti, ma Basta che funzioni è comunque un’opera che con notevole leggerezza invita al pensiero e alla riflessione sulla reale sostanza dei nostri comportamenti.

 

©CultFrame 09/2009

 

 

TRAMA

Boris Yellnikoff è un genia della meccanica quantistica. La sua era una vita agiata e apparentemente serena: una bella casa, una moglie attraente, un lavoro gratificante che l’aveva portato alle soglie del Premio Nobel. Un giorno però Boris si accorge della sostanziale inutilità della sua vita e decide di isolarsi dal mondo. Lascia il lavoro, va a vivere da solo in una casa malandata, passa le sue giornate a dare lezioni di scacchi ai bambini e a discutere con due o tre amici al bar. Questa sua nuova vita risponde al suo desiderio di isolamento, ma ciò però durerà fino a quando una giovane e bella ragazza scappata di casa piomberà nella sua abitazione chiedendogli ospitalità.

 

CREDITI

Titolo: Basta che funzioni / Titolo originale: Whatever Works / Regia: Woody Allen / Sceneggiatura: Woody Allen / Fotografia: Harris Savides / Montaggio: Alisa Lepselter / Scenografia: Santo Loquasto / Interpreti: Larry David, Eva Rachel Wood, Patricia Clarkson / Produzione: Letty Aronson, Stephen Tenenbaum / Distribuzione: Medusa / USA, Francia 2009 / Durata: 92 minuti

 

LINK

CULTFRAME. Anything Else. Un film di Woody Allen

Sito ufficiale del film Basta che funzioni di Woody Allen

Filmografia di Woody Allen

Medusa

Tags: , , , ,

4 commenti su “Basta che funzioni. Un film di Woody Allen”

  1. Film appena visto , film di testa, forse anche di cuore, aperto e tollerante , nonostante le idiosincrasie del cinico ma pauroso ex- professore .Ha dei momenti di irresistibile comicità, sia sul versante delle battute sconsolate e caustiche, sia su quello delle situazioni costruite a tavolino ( ma pur sempre felici). Allen ha dato tanto : la sua vitale vena ironica, il suo pessimismo , la sua leggerezza. Con questo film propone degli interpreti efficaci, un mondo in bilico tra speranza e disincanto, un ambiente che , nelle sue “stranezze”, è molto più comune di quanto potrebbe sembrare: anche quando Boris, nel lavarsi le mani, per tenere lontani i virus canta a se stesso ” tanti auguri a te”.

  2. Film da sconsigliare fortemente. Pesante, per niente ironico e con messaggi conclusivi tremendi!

  3. Film assolutamente da consigliare che si sia o meno fan di Woody Allen. Bel film che passa piacevolmente e velocemente e che tratta temi assai cari al regista, anche se “forti”. Un aspettato ritorno al passato Alleniano.

  4. Il film finalmente ci riporta al woody di anni fa’ .Il film a me e’ piaciuto molto (e sono un esigente e cultore di ALLEN) perche’ come succedeva in altri film degli anni passati Allen riesce ad esprimere agli spettatori quello che di solito deve esprimere un opera d’arte , la possibilita’ di interpretazione. La poesia piu bella e’ quella dove tu ci leggi qualcosa di te. In questo senso il cinema di Woody e’ poesia perche’ permette letture ed interpretazioni personali. Lo consiglio a tutti quelli che amano pensare

Lascia un commento

wenders incontra salgado



Il sale della terra: il docufilm di Wenders pecca di celebrazione (di Maurizio G. De Bonis - Punto di Svista)

[...] si tratta di un’agiografia priva di analisi e di approfondimento che, dunque, pone lo spettatore di fronte a un soggetto praticamente intoccabile. Così, ne Il sale della terra le sublimi e atroci immagini delle miniere d’oro in Brasile (Serra Pelada) finiscono incredibilmente per avere lo stesso valore degli inutili e banali scatti de [...]

Newsletter

Iscriviti alla newsletter di CultFrame - Arti visive

Archivi