Piove Piano. Videoclip dei Blume

blume-piove_piano1I migliori risultati espressivi nell’ambito della produzione di videoclip musicali si ottengono quando l’impianto formale/stilistico di un video è impostato cercando di elaborare un apparto visuale che vada a fondersi armoniosamente con la struttura musicale del brano. Solo in questo caso si riesce a realizzare un’opera “altra”, un formato breve audiovisivo che abbia un’autonomia narrativa e una sua dignità artistica. Spesso non succede ciò; anzi il videoclip è in genere visto solo come un mezzo di promozione che non debba possedere un valore in sé: quello che conta è solo la musica ed una conseguente comunicazione di tipo strettamente commerciale.

In Italia (ma non solo), i discografici non comprendono quanto sia efficace invece diffondere video capaci di colpire il fruitore a un livello profondo, e ciò si può ottenere anche grazie a dei prodotti audiovisivi di supporto che non siano appiattiti sulla bassa strategia comunicativa di tipo pubblicitario.


blume-piove_piano2

Fortunatamente nel nostro paese esiste ancora una dimensione indipendente (dalle grandi etichette multinazionali) che permette, anche con budget modesti (ma con la forza delle idee) di girare videoclip che non rappresentino solo un semplice completamento strategico/commerciale del brano musicale ma un oggetto artistico compiuto.

E’ questo il caso di Piove Piano, video dei Blume diretto da Isabella Panero. L’ideatrice e regista è entrata in perfetta sintonia con il tono impalpabile, quasi astratto, del brano dei Blume ed ha costruito un video di rara forza onirica. Tale forza non è però dovuta a particolari ricercatezze formali quanto piuttosto ad una semplicità di stile e linguaggio che permette a Piove Piano di colpire profondamente il fruitore/ascoltatore.

blume-piove_piano3Viene ricreato un mondo fantastico, tra sogno e immaginazione, un mondo in cui figure umane stilizzate si muovono in una sorta di gioco della rappresentazione esistenziale, in un teatrino che arriva all’essenza stessa della riflessione sulla condizione umana. Il volto della cantante è ripreso attraverso una superficie trasparante su cui sembra cadere della pioggia. Questa inquadratura simbolica e allo stesso tempo sottilmente estetizzante, introduce un elemento psicologico che fornisce ancora maggiore spessore all’opera.
L’utilizzazione della tecnologia digitale permette di accrescere la sensazione di straniamento sulla quale è elaborata l’intera operazione e conduce lo sguardo dello spettatore in un universo quasi fantasmatico in cui gli esseri umani diventano ombre e la realtà perde la sua consistenza.


©CultFrame 05/2006

 

CREDITI

Videoclip: Piove Piano / Regia: Isabella Panero / Fotografia: Roberto Galassini / Montaggio: Isabella Panero /  Interprete: Blume / Etichetta: Pippola Music-GoddFellas-Kizmaiaz, 2006 / Idea–script: Isabella Panero / Produzione: Paolo Favati-Visive

 

LINK

PippolaMusic

Produzione Visive

Produzione Paolo Favati