Love Lost. Videoclip dei The Temper Trap

di Elisa Paltrinieri

temper_tramp-love_lost2Alcuni videoclip musicali ottengono un effetto ironico grazie alla proposta di scanzonate coreografie. Si va dall’esibizione improvvisata da dilettanti davanti a un cinema multisala, come nel celebre caso di Praise you (1999) del dj inglese Fatboy Slim, a quella eseguita sui tapis roulant dal gruppo statunitense Ok go in Here it goes again (2006). Entrambe le clip hanno una regia quasi assente, ma va bene così, perché le due idee sono originali e il risultato è divertente. Esistono, però, anche casi diversi. Per esempio un recente video che è contraddistinto sia da ironia sia da cura registica è Love Lost, realizzato per l’uscita del terzo singolo estratto da Conditions, album di debutto della band indie rock di Melbourne The Temper Trap. L’album,  uscito nel 2009, con due soli singoli (Sweet Disposition e Fader) ha portato gli australiani al successo planetario tanto che i loro brani sono stati usati per telefilm, film, videogiochi e pubblicità di tutto il mondo. Per meglio gestire questo clamoroso successo i The Temper Trap hanno così deciso di trasferirsi in Inghilterra. Ed è lì che, per il terzo video della loro carriera, hanno potuto stringere il sodalizio con Dougal Wilson. Il talentuoso regista inglese di video musicali e commerciali all’età di trentanove anni è già stato insignito di diversi premi e ha lavorato, tra gli altri, per musicisti come Bat For Lashes, LCD Soundsystem, Goldfrapp e Coldplay, cercando ogni volta di variare la propria proposta visiva ma usando quasi sempre una sottile vena humour. Per Wilson, pur trattandosi per sua stessa ammissione di un processo noioso, la preparazione attenta della registrazione di un videoclip è tutto.

In genere il regista inglese ascolta il brano sull’i-pod mentre corre, cercando di individuare l’elemento melodico o ritmico che contraddistingue la canzone. Una volta che lo ha trovato, prova a realizzarne la versione visiva, delineando con schizzi e appunti alcuni frame del futuro video.  L’idea deve essere, se possibile, interessante e inaspettata, perciò meglio se si tratta di una trasposizione “laterale” e non letterale del brano. Le immagini devono risultare come un ulteriore strumento che suona insieme alla canzone e lo spettatore deve percepire il video come una combinazione di musica e immagini e non come una somma delle parti. Alla fine, dopo una lunga preparazione, ecco che può girare quello che lui definisce un  breve film di intrattenimento. Ed è ciò che fa anche con Love Lost. Wilson ha fra le mani una canzone leggera, di facile ascolto e dal risultato fresco. L’idea basilare cantata da Dougy Mandagi infatti è semplice: il nostro amore si era smarrito e ora lo abbiamo ritrovato. Il regista inglese sceglie una location che ha l’atmosfera di un film di Ken Loach: una strada sterrata di campagna del quartiere proletario londinese Walthamstow Marshes sotto un cielo plumbeo nuvoloso fra colori lividi e freddi. Però, il tono delle scene non è affatto serioso.

temper_tramp-love_lost1A dover correre su quella strada, severamente spronati dal discorso di un insegnante-sergente,  sono alcuni ragazzini che, con le loro magliette e i visi sporchi di fango, danno l’idea di dover affrontare per l’ennesima volta una durissima prova. Invece la loro performance fisica si rivela diversa dalle aspettative: i ragazzini cantano mostrando un eccessivo pathos, mentre la loro corsa si tramuta via via (con un’intensità crescente che asseconda il climax della canzone) in uno pseudo-balletto buffo, perché è un misto di esercizi ginnici, giochi (come il saltare nelle pozzanghere a tempo di musica) e passi di danza compiuti non sempre in sincronia e non sempre in modo sufficientemente convinto. Fa sorridere anche il contrasto fra l’aspetto trasandato dei ragazzi e quello curato di un gruppo di ragazzine, tutte vestite di rosso, che li superano agevolmente. Ogni tanto Wilson inserisce dei rumori di fondo che, anziché disturbare, si miscelano con la canzone diventandone parte integrante: all’inizio del video i passi di un ragazzino si accordano con i battiti della batteria, mentre più avanti il verso di un corvo, un tuono, il treno che passa si sposano con la melodia. I quattro minuti del video Love Lost sono una perfetta orchestrazione fra musica, movimenti di macchina, spostamentui dei ragazzi, rumori di fondo. Ogni elemento interviene a tempo e con un suo senso tanto da fondersi in un’unica opera compatta fino alle ultime inquadrature. La canzone va spegnendosi e contestualmente i ragazzi ricompongono la loro corsa che era ormai degenerata, uscendo dall’inquadratura. Il chitarrista esegue gli ultimi accordi poi, quando tutto tace, si vede un ultimo ragazzino che si attarda per rimettere e poi esce dall’inquadratura. Wilson indugia ancora un momento sulla strada sterrata deserta lasciandoci il tempo di ripensare alle “prodezze” compiute poco prima dai ragazzi. Così facendo ci strappa un ultimo sorriso, lasciandoci di buonumore.

© CultFrame 10/2010


CREDITI

Brano:  Love Lost / Interprete: The Temper Trap / Album: Conditions / Etichetta: Infectious Records / Regia: Dougal Wilson / Compagnia di produzione: Colonel Blimp / Produttore: Matt Fone / Direttore della fotografia: Lasse Frank Johannenssen / Art director: Arthur De Borman / Costumi: Michelle May / Trucco e parrucco: Bean Ellis / Coreografia: Rachel Yates / Editore: Joe Guest / Committente: Richard Skinner

LINK
The Temper Tramp – Il sito

Tags: , , ,

Lascia un commento

Newsletter

Iscriviti alla newsletter di CultFrame - Arti visive

MOSTRA DEL CINEMA DI VENEZIA


LEONE D'ORO per il miglior film
A Pigeon Sat on a Branch Reflecting on Existence di Roy Andersson

LEONE D'ARGENTO per la migliore regia
Le notti bianche del postino (The Postman’s White Nights) di Andrey Konchalovsky

GRAN PREMIO DELLA GIURIA
The Look of Silence di Joshua Oppenheimer

COPPA VOLPI per la migliore interpretazione maschile e femminile a Adam Driver e Alba Rohrwacher
Hungry Hearts di Saverio Costanzo
(su Punto di Svista)

PREMIO PER LA MIGLIOR SCENEGGIATURA
Tales di Rakhshan Banientemad

PREMIO SPECIALE DELLA GIURIA
Sivas di Kaan Mujdeci

CONCORSO
Pasolini di Abel Ferrara

CONCORSO
Red Amnesia di Wang Xiaoshuai

CONCORSO
Nobi di Shinya Tsukamoto

FUORI CONCORSO
La trattativa di Sabina Guzzanti

CONCORSO
Loin des hommes di David Oelhoffen

CONCORSO
Il giovane favoloso di Mario Martone

CONCORSO
The Cut di Fatih Akin

GIORNATE DEGLI AUTORI
The Smell of Us di Larry Clark

FUORI CONCORSO
Tsili di Amos Gitai

SETTIMANA INTERNAZIONALE DELLA CRITICA
Villa Touma di Suha Arraf

CONCORSO
Tre cuori di Benoit Jacquot

CONCORSO
Anime nere di Francesco Munzi
(su Punto di Svista)

CONCORSO
Manglehorn di David Gordon Green

FUORI CONCORSO
L’umiliazione di Barry Levinson

FUORI CONCORSO
La rançon de la gloire di Xavier Beauvois

FUORI CONCORSO
She’s Funny That Way di Peter Bogdanovich

FUORI CONCORSO
In the Basement di Ulrich Seidl

CONCORSO
99 Homes di Ramin Bahrani

ORIZZONTI
The President di Mohsen Makhmalbaf

CONCORSO
Birdman di Alejandro G. Inarritu

GIORNATE DEGLI AUTORI
One on One di Kim Ki-duk

GIORNATE DEGLI AUTORI
MESSI di Alex de la Iglesia

Archivi