Archivio dei tag

Tsili. Un film di Amos Gitai. 71° Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia. Fuori concorso

di Maurizio G. De Bonis

Un bosco fitto, selvaggio, apparentemente inospitale, misterioso e terribile. Un luogo dove gli esseri umani si perdono ma allo stesso tempo si ritrovano. Sullo sfondo colpi di cannone e scoppi di bombe che scandiscono incessantemente il tempo che passa. Il giorno e la notte si alternano ma nulla sembra cambiare. Si aspetta la primavera e [...]

Ana Arabia. Un film di Amos Gitai

di Maurizio G. De Bonis

Iniziamo dalla conclusione. La macchina da presa, dopo un lento e fluido movimento di macchina durato quasi ottanta minuti, improvvisamente inizia ad alzarsi. Dolcemente, si palesa davanti al dispositivo ottico una zona caratterizzata da casupole. Sullo sfondo enormi palazzoni popolari si ergono come sentinelle di un universo privato e nascosto. L’ampia inquadratura lascia intravedere lo [...]

Una fragile armonia. Un film di Yaron Zilberman

di Maurizio G. De Bonis

Nel 2004 Yaron Zilberman aveva realizzato un toccante documentario sulle campionesse di un’importante squadra di nuoto di un club ebraico austriaco degli anni trenta: Watermarks. Pellicola densa di risvolti, quest’opera mostrava le indubbie qualità di Zilberman sia come abile narratore che come autore visivo in grado di ricostruire una vicenda tragica e complessa con intelligenza [...]

Bethlehem. Un film di Yuval Adler. 70. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia. Giornate degli autori

di Maurizio G. De Bonis

Riguardo il conflitto israelo-palestinese, specie in Europa, tutti si sentono in grado di emettere giudizi precisi, prendere posizioni incrollabili, interpretare la situazione grazie a certezze granitiche, o peggio ideologiche. La realtà è invece molto complessa, difficile da decodificare nei suoi molteplici dettagli, densa di elementi di cui in Occidente mai si parla. Il quadro che [...]

La sposa promessa. Un film di Rama Burshtein

di Maurizio G. De Bonis

I sentimenti soggettivi e il dovere familiare. Ciò che è giusto fare per se stessi e ciò che invece potrebbe giovare alla collettività. Come si vede il mondo dal proprio punto di vista e come tutti gli altri interpretano le tue scelte. L’amore è il (presunto) senso del dovere. Il ricordo perenne e inconsolabile della [...]

Dans un jardin je suis entré. Un film di Avi Mograbi. Festival Internazionale del Film di Roma 2012. CinemaXXI

di Maurizio G. De Bonis

Ci siamo occupati molte volte delle modalità attraverso le quali le diverse espressioni artistiche, in particolare cinema, fotografia e videoarte, si sono occupate negli anni del conflitto israelo-palestinese ed abbiamo affrontato anche la questione della auto-raffigurazione della società di Israele all’interno delle tensioni del Medio Oriente. Si tratta di una materia delicata, spesso trattata dai mass [...]

The Cutoff Man. Un film di Idan Hubel. 69a Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia. Orizzonti

di Maurizio G. De Bonis

Quasi tutti gli stabili popolari in Israele hanno un retro. Si tratta di luoghi spesso abbandonati, vuoti,  apparentemente inutili nei quali sono collocati i contatori dell’acqua. Spazi senza senso, dove non v’è passaggio di esseri umani, metafora dell’assurdità del vivere, dell’angoscia quotidiana e della tragica solitudine degli individui. In queste aree dove il nulla si [...]

The Iceman. Un film di Ariel Vromen. 69a Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia. Fuori concorso

di Eleonora Saracino

Una foto, un nome, un’arma: questo è tutto ciò che occorre a Richie Kuklinski per svolgere il suo lavoro. Killer su commissione, pratica il suo mestiere con la perizia del professionista e la freddezza di chi ha scelto che sia la morte a firmare la busta paga. Non un personaggio di fantasia ma un uomo [...]

I Know. Videoclip di David Lynch diretto da Tamar Drachli

di Antonio Laudazi

È un David Lynch sorprendentemente convincente quello che lo scorso novembre ha esordito nelle vesti di musicista e produttore con l’album Crazy Clown Time. Vi ritroviamo infatti la cifra oscura e perturbante propria del regista, tra deformazioni blues, elettronica e trip-hop, con uno sguardo squisitamente cool verso i ritmi metropolitani e le atmosfere decadenti della [...]

Architetture della memoria. Video-installazione del cineasta israeliano Amos Gitai

di Claudio Panella - Silvia Nugara

Torino rende omaggio al cineasta israeliano Amos Gitai ospitando una serie di iniziative: dal 4 novembre 2011 fino all’8 gennaio 2012 è visibile presso il Museo Nazionale del Cinema l’installazione Architetture della memoria. Contemporaneamente, fino al 18 novembre il Cinema Massimo dedica al cineasta una restrospettiva di ventidue opere relizzate tra il 1972 e il [...]

Paranormal Activity. Una riflessione sulla finzione cinematografica

di Nikola Roumeliotis

Tutto ebbe inizio nel 2007 con Paranormal Activity. Anzi, se dobbiamo essere sinceri il tutto iniziò con Blair Witch Project ma non vogliamo affrontare il tema del falso documentario dai suoi albori. In fondo la serie di Paranormal Activity è un filone autosufficiente e si distacca nettamente da pellicole come il già citato film di [...]

The Exchange. Un film di Eran Kolirin. 68a Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia. Concorso

di Maurizio G. De Bonis

Avevamo lasciato Eran Kolirin intento a realizzare un film-parabola sulla possibilità del dialogo tra Israele e mondo arabo in occasione del suo fortunato e significativo lungometraggio di esordio: La banda. Lo ritroviamo, dopo circa tre anni di silenzio, alle prese con una storia completamente diversa, dai tratti meramente psicologici. Il titolo fortemente enigmatico dell’opera è The [...]

Il responsabile delle risorse umane. Un film di Eran Riklis

di Maurizio G. De Bonis

Qual è il legame misterioso che si stabilisce tra un individuo e il luogo in cui vive? Cosa significa avere delle radici? Perché si fugge dal posto in cui si è nati e si cerca disperatamente “l’altro”? E perché quando una persona riesce a trovare finalmente l’ambiente definitivo della sua esistenza è considerato sempre e [...]

Paranormal Activity 2. Un film di Tod Williams

di Nikola Roumeliotis

Essere un sequel di un film “campione d’incassi” è un impegno difficile. Paranormal  activity 2 deve tra l’altro combattere con ben due fantasmi: quello del film precedente ma anche quello del meno interessante Blair Witch Project.  E se la pellicola originale cercava di creare un precedente, aprendo varie finestre sulla tradizione del genere, sicuramente questo [...]

Amos Gitai. Maestri del cinema

di Maurizio G. De Bonis

Amos Gitai. 11 ottobre 1950 (Haifa, Israele) Amos Gitai è un regista che persegue un’idea di cinema in cui lo stile e il rigore espressivo rappresentano gli ingranaggi di un metodo di comunicazione di tipo mentale. Si tratta di un modello poetico complesso e non commerciale. Il suo intento artistico ha a che fare con [...]

Newsletter

Iscriviti alla newsletter di CultFrame - Arti visive

Archivi