Archivio dei tag

L’intrepido. Un film di Gianni Amelio

di Maurizio G. De Bonis

Il gelo della metropoli in inverno (Milano). Strade imbiancate dalla neve, aria carica di una freddezza che non è solo esteriore, grandi palazzi e cantieri in costruzione in una città che sembra sempre in movimento. In questa atmosfera “quasi” nordica si muove Antonio Pane. Potrebbe essere definito un uomo buono e un padre affettuoso, o [...]

To Rome With Love. Un film di Woody Allen

di Giovanni Romani

Sulle note de “Nel blu dipinto di blu” si apre l’ultima cartolina illustrata di Woody Allen, spedita ai suoi connazionali da una Roma di fantasia perennemente ammantata dalla dorata luce estiva, risonante di fisarmoniche e mandolini. Una Capitale che non conosce cantieri, né smog, dove il traffico diviene simpatica caratteristica nazional-popolare, nel cui centro storico [...]

Qualunquemente. Intervista all’attore Antonio Albanese

di Nikola Roumeliotis

Cetto La Qualunque, il personaggio creato da Antonio Albanese, salta dal piccolo al grande schermo, cambiando cosi misura spazio-temporale passando dallo sketch al lungometraggio di narrazione, con la regia di Giulio Manfredonia e la produzione della Fandango e riuscendo in un’operazione altrimenti impossibile. Basta che questo interessi al pubblico… ma siamo sicuri di sì. Antonio [...]

Giorni e nuvole. Un film di Silvio Soldini. Cinema – Festa Internazionale di Roma. II Edizione

di Maurizio G. De Bonis

Silvio Soldini è un narratore dei nostri tempi, il “fotografo” del disagio di un’intera società. Compie questo difficile percorso da molti anni analizzando le vite di individui che rispecchiano le storie personali di tutti noi. Lo sguardo di Soldini è lucido, tagliente, implacabile ma non cinico, tanto meno moralistico. I suoi film parlano della nostra [...]

wenders incontra salgado



Il sale della terra: il docufilm di Wenders pecca di celebrazione (di Maurizio G. De Bonis - Punto di Svista)

[...] si tratta di un’agiografia priva di analisi e di approfondimento che, dunque, pone lo spettatore di fronte a un soggetto praticamente intoccabile. Così, ne Il sale della terra le sublimi e atroci immagini delle miniere d’oro in Brasile (Serra Pelada) finiscono incredibilmente per avere lo stesso valore degli inutili e banali scatti de [...]

Newsletter

Iscriviti alla newsletter di CultFrame - Arti visive

Archivi