film prime visioni

Maps to the Stars. Un film di David Cronenberg

di Giovanni Romani

Prima o poi doveva succedere: anche un grande come David Cronenberg ha realizzato un brutto film, sebbene la maggior responsabilità sia addebitabile alla pessima sceneggiatura del sopravvalutato Bruce Wagner. Inserito nel già affollatissimo filone della critica sarcastica all’effimero universo hollywoodiano, Maps to the Stars risulta tanto ambizioso quanto supponente ed infantile, con la sua corte [...]

Ana Arabia. Un film di Amos Gitai

di Maurizio G. De Bonis

Iniziamo dalla conclusione. La macchina da presa, dopo un lento e fluido movimento di macchina durato quasi ottanta minuti, improvvisamente inizia ad alzarsi. Dolcemente, si palesa davanti al dispositivo ottico una zona caratterizzata da casupole. Sullo sfondo enormi palazzoni popolari si ergono come sentinelle di un universo privato e nascosto. L’ampia inquadratura lascia intravedere lo [...]

Non dico altro. Un film di Nicole Holofcener

di Giovanni Romani

Un’ipotesi: diretto da un uomo Non dico altro sarebbe stata l’ennesima farsa degli equivoci, con corollario di stantie amenità sessuali. Il tocco delicato dell’abile Nicole Holofcener, invece, riesce a fare dell’inconsistenza uno spettacolo gradevole, partendo da un soggetto che non è che un’ideina. Newyorkese di razza, la regista si fa le ossa con le amiche [...]

Solo gli amanti sopravvivono. Un film di Jim Jarmusch

di Claudio Panella

Presentato al Festival di Cannes, il nuovo film del talentuoso Jarmusch espone tutto l’immaginario e i ritmi musicali di cui si nutre già nella sua sequenza d’apertura. La prima immagine che appare sullo schermo è un cielo notturno, stellato, che un moto rotatorio tramuta per sovrimpressione in un vinile che gira, il cui movimento viene [...]

Alabama Monroe – Una storia d’amore. Un film di Alex Van Groeningen

di Giovanni Romani

Innanzitutto un “avviso ai naviganti”: chi scrive nutre una smodata passione per il country e i tatuaggi, può darsi pertanto che il giudizio sulla pellicola di Van Groeningen risulti “partigiano”. Eggià, perché l’atmosfera è da subito straniante: cappelli da cowboy, stivali texani, banjo e violini, un trionfo di bluegrass e barbe incolte nelle umide campagne [...]

Lovelace. Un film di Rob Epstein e Jeffrey Friedman

di Silvia Nugara

La storia delle grandi icone del cinema è spesso attraversata da una vena inquietante. La vicenda di Linda Lovelace, pornostar esplosa negli anni Settanta con il successo di Gola profonda (1972), si è rivelata ricca di sofferenze nel mémoir Ordeal che lei stessa scrisse ad anni di distanza dall’uscita del film. Lovelace ricostruisce la nascita [...]

Locke. Un film di Steven Knight

di Maurizio G. De Bonis

La storia del cinema è attraversata in largo e in lungo da un’ossessione: raccontare una vicenda in uno spazio molto ristretto. L’elemento claustrofobico è dunque entrato nella poetica di innumerevoli registi che hanno cercato di portare all’estremo la relazione tra la tensione provocata dallo spazio concentrazionario utilizzato e la dinamica espressiva del racconto. Il maestro [...]

Tracks – Attraverso il deserto. Un film di John Curran

di Giovanni Romani

L’outback australiano, luogo simbolo della vastità, dell’assenza di confini, spazio infinito ed astratto che, in molte pellicole, confina con un’altra dimensione e consente una diversa percezione di se stessi e del mondo. In questo già di per sé suggestivo contesto si inserisce la tenace determinazione della giovane Robyn Davidson, irrequieta ventiquattrenne, poi assurta a fama [...]

Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve. Un film di Felix Herngren

di Eleonora Saracino

Allan Karlsson ha lo spirito naïf di un bambino e un bizzarro secolo di vita che sembra scivolargli addosso. Il giorno in cui sta per spegnere le sue cento candeline decide di compiere il suo (non certo ultimo) atto eversivo: saltare dalla finestra della casa di riposo, nella quale suo malgrado alberga, e scomparire. Con [...]

Gigolò per caso. Un film di John Turturro

di Eleonora Saracino

Fioravante ha un nome esotico e un fascino discreto. Sbarca il lunario tra svariati mestieri, dall’elettricista all’idraulico, ma le sue mani preferiscono muoversi, leggere, sugli steli e tra i petali per realizzare delicate composizioni floreali. Ed è questo lavoro, quello che ama di più, a rappresentarlo al meglio e a rivelare, tra la pratica manualità [...]

Father and Son. Un film di Hirokazu Kore-Eda

di Giovanni Romani

Sangue o affetto? Questo è il dilemma, neppure troppo originale (Il Figlio dell’Altra  di Lorraine Lévy, 2012), al quale il pur bravo Kore-Eda risponde con prevedibile formalismo ed eccessivo pudore narrativo. Non stupisce che Spielberg lo abbia insignito del Premio della Giuria a Cannes e che sia già in cantiere una cover americana, poiché il [...]

Nymphomaniac Vol.I. Un film di Lars Von Trier (Director’s cut)

di Silvia Nugara

Con indubbi benefici mediatici, la Berlinale 2014 ha presentato a margine del Concorso la versione director’s cut della prima parte di Nymphomaniac, l’ultima provocatoria opera di Lars Von Trier in uscita nelle sale di diversi paesi europei. Pur non essendo del tutto certi di quel che si vedrà (in meno) nelle nostre sale, è possibile [...]

In grazia di Dio. Un film di Edoardo Winspeare

di Claudio Panella

Le protagoniste del nuovo film salentino di Winspeare sono quattro donne dai caratteri molto diversi tra loro e appartenenti a tre generazioni differenti. Salvatrice, da tempo vedova, prova a fronteggiare ogni traversia con la forza della propria fede; la figlia Adele dice di sé di essere “una con la capa in capo” e cerca di [...]

NOI 4. Un film di Francesco Bruni

di Giovanni Romani

“Voi 4” siete la famiglia più insopportabile comparsa sullo schermo da anni! Dopo il riuscito Scialla, Francesco Bruni scrive e dirige la sua tesina sulla disgregazione famigliare con naturalezza fin eccessiva, senza innervare di pathos il racconto, ma abbandonandolo alla prevedibilità dei suoi protagonisti/macchiette. Non succede nulla in Noi 4, ma assistiamo esausti ad un [...]

Jimmy P. Un film di Arnaud Desplechin

di Silvia Nugara

Benché sembri alquanto diverso rispetto ai precedenti lavori di Arnaud Desplechin, non è difficile trovare una coerenza tra Jimmy P e il resto di un percorso cinematografico che ha spesso indagato la relazione tra vita, psiche e memoria. Questa volta, l’autore francese attraversa l’oceano per raccontare come la memoria del passato possa incidere profondamente sul [...]

wenders incontra salgado



Il sale della terra: il docufilm di Wenders pecca di celebrazione (di Maurizio G. De Bonis - Punto di Svista)

[...] si tratta di un’agiografia priva di analisi e di approfondimento che, dunque, pone lo spettatore di fronte a un soggetto praticamente intoccabile. Così, ne Il sale della terra le sublimi e atroci immagini delle miniere d’oro in Brasile (Serra Pelada) finiscono incredibilmente per avere lo stesso valore degli inutili e banali scatti de [...]

Newsletter

Iscriviti alla newsletter di CultFrame - Arti visive

Archivi