L’intrepido. Un film di Gianni Amelio

Il gelo della metropoli in inverno (Milano). Strade imbiancate dalla neve, aria carica di una freddezza che non è solo esteriore, grandi palazzi e cantieri in costruzione in una città che sembra sempre in movimento. In questa atmosfera “quasi” nordica si muove Antonio Pane. Potrebbe essere definito un uomo buono e un padre affettuoso, o anche un grande lavoratore. Pratica l’arte del “rimpiazzo”; sostituisce chi si deve assentare dal lavoro per le più svariate ragioni. Antonio si accontenta di poco e non si lamenta mai. La sua casa è modestissima (vicina alla ferrovia) ma il suo desiderio di vivere allontana ogni forma di depressione (quasi sempre).

L’intrepido è un film che possiede molte facce: è una commedia sulla crisi contemporanea, la rappresentazione del declino sociale dell’Italia di oggi, ma anche una tragedia del lavoro, un racconto di affetti cercati, negati e, forse, immaginati. A interpretare il personaggio cardine è un Antonio Albanese che riesce a dare credibilità al suo ruolo fornendo alla figura centrale del lungometraggio una leggerezza sorprendente.

Ma nonostante i presupposti siano più che confortanti, L’intrepido, purtroppo, non riesce a trovare una sua quadratura. Il tono altalenante tra commedia e tragedia sembra essere il suo asse fondamentale ma alla fine questo elemento genera semplicemente iterazione e prevedibilità. La disperazione esistenziale è sempre sotto traccia e appare come il collante dell’intera vicenda ma il tocco di Amelio è orientato verso la soavità comunicativa e ciò crea uno scollamento espressivo evidente. Le sequenze emozionanti e divertenti si alternano ad altre scontate e ripetitive, così come la conclusione dell’opera annulla il percorso del film in un finale troppo scontato.

Il tentativo evidente di Gianni Amelio è stato quello di edificare un oggetto creativo cangiante, in grado di comunicare allo spettatore sentimenti diversi e contrastanti. Ora il divertimento, ora il dramma. Ma il risultato finale appare confuso e l’opera si incarta in un flusso oscillante di sensazioni totalmente controproducente.

Se un pregio indubitabile ha L’intrepido, è senza dubbio lo sguardo di Gianni Amelio. Le inquadrature della città, degli spazi interni e delle case sono, infatti, sempre perfettamente in grado di comunicare il senso dell’opera molto più dell’insoddisfacente e ovvio impianto narrativo.

© CultFrame 09/2013

 

TRAMA
Antonio Pane è un uomo buono e delicato. Il suo lavoro è fare il rimpiazzo, cioè sostituire sul posto di lavoro chi è impossibilitato ad andare. Antonio è separato e ha un figlio musicista. La sua è una vita semplice. Non si piange mai addosso e si da sempre da fare per guadagnare qualcosa. Fino a quando, durante un concorso pubblico si imbatterà in una ragazza di cui si innamorerà.


CREDITI

Titolo: L’intrepido / Regia: Gianni Amelio / Sceneggiatura: Gianni Amelio, Davide Lantieri / Fotografia: Luca Bigazzi / Montaggio: Simona Paggi / Scenografia: Giancarlo Basili / Musica: Franco Piersanti / Interpreti: Antonio Albanese, Livia Rossi, Gabriele Rendina, Alfoso Santagata, Sandra Ceccarelli / Produzione: Palomar, Rai Cinema / Distribuzione: 01 Distribution / Paese: Italia, 2013 / Durata: 104′

LINK
CULTFRAME. La stella che non c’è. Un film di Gianni Amelio di Maurizio G. De Bonis
CULTFRAME. Colpire al cuore. Il film di Gianni Amelio in dvd di Manuel Bellicchi
CULTFRAME. Le chiavi di casa. U film di Gianni Amelio di Manuel Bellicchi
Filmografia di Gianni Amelio
Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia – Il sito
01 Distribution