The Help. Un film di Tate Taylor

Scritto da una donna, affollato da donne, pensato per le donne (bianche), The Help è diretto e sceneggiato da un uomo, Tate Taylor, peraltro già pratico (in qualità di attore) di polpettoni femminili con Un gelido inverno. Si tratta della pellicola più zuccherosa, viscida e fasulla degli ultimi anni, una gelida operazione commerciale che sfrutta tutti i più frusti cliché del genere: dalle nostalgiche ricostruzioni di un’America che, Ku Klux Klan a parte, rimane quella di Happy Days, alle “mamies” grasse, sagge e pure birichine (ma non troppo), alle ragazze bianche secche tutte lacca e sottogonne. È un film per menti semplici The Help, in cui lo spettatore non deve fare lo sforzo di pensare, tanto è tutto già scritto, già visto e digerito: le nere sono buonissime, le bianche stronzissime, i maschi latitano e lo scontro razziale non ha il colore rosso del sangue ma le tinte pastello del tempo che fu. Una versione salottiera di Mississippi Burning, ma senza cappucci e cappi che magari disturbano, un mélo alla Lontano dal Paradiso, ma privo di anima e di sesso, che la coppia mista per la Disney è ancora un po’ troppo avanti.

Aperto da Johhny Cash ed Emmylou Harris e chiuso da Bob Dylan, il filmone si trascina per più di due ore indeciso tra commedia, dramma da cucina e ripicche muliebri, edulcorando lo scontro razziale fino all’inverosimile e sintetizzandolo nel massimo affronto del gabinetto dedicato al personale di colore. Certo, è una scelta legittima mostrare il razzismo del quotidiano, l’intolleranza domestica, i piccoli soprusi ipocriti, ma che senso ha farlo ancora oggi? E soprattutto che senso ha farlo stando sempre così attenti a non offendere nessuno? Qualcuno lo chiamerà “garbo”, ma il confine con la paraculaggine è davvero labile e viene ampiamente valicato dall’insopportabile happy end, tutto faccioni e sorrisoni. The Help è un film decrepito e ricattatorio che forse avrebbe avuto senso una trentina di anni fa, o forse no, adatto forse ad un pubblico americano in preda al senso di colpa, o forse non solo, perché funziona ovunque, gioca superficialmente sulla vergogna della spettatrice impellicciata il cui ciglio inumidito diviene rivelatore di sensibilità elevata ed illuminata tolleranza. Così all’uscita della sala anche la sciuretta nostrana tornando verso casa potrà sentirsi tanto più buona delle arpie razziste, salvo poi scansare con fastidio il mendicante che, con le amiche del burraco, continuerà a chiamare “negro”.

© CultFrame 01/2012

 

TRAMA
Mississippi, anni 60: Eugenia “Skeeter” Phelan è una ragazza della buona società di Jacksonville che torna a casa dopo aver finito l’università a New York, dove ha studiato per diventare scrittrice e giornalista. L’incontro con le sue amiche di un tempo, rende Skeeter consapevole di quanto forte sia ancora il sentimento di razzismo nei confronti delle donne di colore che da sempre si sono prese cura delle famiglie della zona e, indignata, decide di raccontare le loro storie. Per realizzare il suo progetto Skeeter, superata l’iniziale diffidenza, troverà la complicità di due domestiche, Aibileen e Minnie, che insieme a lei metteranno nero su bianco le discriminazioni razziali subite e aneddoti vari. La loro iniziativa, cui partecipano via via altre testimoni, si trasforma in un libro che, una volta pubblicato, non tarderà a suscitare scandalo e imbarazzo nella cerchia borghese di amici e concittadini, ma al contempo aiuterà la comunità afroamericana locale a trovare quella forza necessaria per pretendere il rispetto e i diritti fino a quel momento negati.

CREDITI
Titolo: The Help / Titolo originale: id. / Regìa: Tate Taylor / Sceneggiatura: Tate Taylor tratta dell’omonimo romanzo di Kathryn Stockett / Fotografia: Stephen Goldblatt / Montaggio: Hughes Winborne / Scenografia: Mark Ricker / Musica: Thomas Newman/ Interpreti principali: Emma Stone, Viola Davis, Bryce Dallas Howard, Octavia Spencer, Jessica Chastain, Mike Vogel, Sissy Spacek, Ahna O’Reilly, Chris Lowell / Produzione: 1492 Pictures, Dreamworks Pictures, Reliance Entertainment / Distribuzione: Walt Disney Studios Motion Pictures Italia / Paese: U.S.A., India, Emirati Arabi, 2011 / Durata: 137 minuti

LINK
Sito ufficiale del film The Help di Tate Taylor
Sito italiano del film The Help di Tate Taylor
Filmografia di Tate Taylor
Walt Disney Studios Motion Pictures Italia