Vi presento i Nostri. Un film di Paul Weitz

paul_weitz-vi_presento_i_nostriAccipicchia! Leggendo l’impressionante elenco delle star che partecipano al terzo capitolo della saga famigliare Byrnes/Focker si rimane di sasso: dalle vecchie glorie De Niro, Hoffmann, Keitel, Streisand ai giovani brillanti Stiller, Wilson, Alba… Grande lavoro di casting, dunque, un’ammucchiata che inevitabilmente ricorda l’accumulo di ciofeche catodiche che affollano i nostri cinepanettoni: certo, paragonare De Niro a De Sica fa un po’ senso, ma pur con tutti i distinguo, l’idea commerciale di base è la stessa. Serialità industriale, nomi di grande richiamo, assoluto disinteresse per la scrittura e la narrazione, accumulo meccanico di gag, sempre prevedibili, quando non schiettamente volgarotte.

Gli sceneggiatori John Hamburg e Larry Stuckey si impegnano molto nel tentativo di coniugare iniezioni nel pene e sani valori famigliari, la sensualità di Jessica Alba e l’umorismo infantile e scatologico, e nello sforzo (fallito) di orchestrare l’eccessiva massa di personaggi inutili e ridicoli, mal scritti ed interpretati con poca convinzione da (ex)star in libera uscita. Niente da fare, l’insulso regista Paul Weitz pare ignorare ogni regola narrativa e, interessato soltanto a nascondere la propria incapacità dietro i “grossi nomi”, ci infligge un incipit sedativo e statico cui seguono situazioni e siparietti stravisti, tutti affidati alla buona alchimia tra Stiller e De Niro, in un crescendo che però si ammoscia via via che si procede stancamente verso il risaputo finale: l’ennesima “promozione” del perennemente angariato Gay Focker. Alla sesta citazione de Il Padrino si è tentati di aprire il fuoco contro lo schermo, ma il peggio è l’imbarazzante performance di Hoffman, con inquietante sorriso fisso da spot del caffè, aggiunta in post-produzione e costata sette milioni di dollari per cinque giorni di lavoro. Triste e castrante anche la prestazione della favolosa Alba, la cui indubbia carica sessuale viene ridotta ad avvilente macchietta seduttiva, infantile ed irritante. Identico a se stesso ed ai primi due capitoli, Vi presento i Nostri sembra importare in America quella sciattezza concettuale, travisata da coralità, che caratterizza tanto cinema nostrano, molto più impegnato ad esibire volti e corpi piuttosto che a raccontare una storia: inquadrate da dietro, in fondo, chi riuscirebbe a distinguere Jessica Alba da Belén?

© CultFrame 01/2011


TRAMA

Per il timido e impacciato infermiere Greg Focker i tempi in cui era sottoposto alle angherie del burbero suocero Jack Byrnes sembrano essere finalmente solo un lontano ricordo. Inoltre, lui e la moglie Pam vanno d’amore e d’accordo e sono i felici genitori di due bellissimi gemelli. Tuttavia, un’improvvisa crisi economica spingerà Greg a entrare segretamente in un traffico di medicinali illeciti e questa sua nuova “occupazione” desterà ancora una volta i sospetti del diffidente suocero.

CREDITI
Titolo: Vi presento i Nostri / Titolo originale: Little Fockers / Regìa: Paul Weitz / Sceneggiatura: John Hamburg, Larry Stuckey / Fotografia: Remi Adefarasin / Montaggio: Leslie Jones, Greg Hayden, Myron I. Kerstein / Scenografia: William Arnold/ Musica: Stephen Trask / Interpreti principali: Robert De Niro, Ben Stiller, Owen Wilson, Blythe Danner, Teri Polo, Jessica Alba, Laura Dern, Harvey Keitel, Dustin Hoffman, Barbra Streisand / Produzione: Dreamworks SKG, Tribeca Productions, Universal Pictures, Everyman Pictures / Distribuzione: Universal Pictures / Paese: U.S.A., 2010 / Durata: 98 minuti

LINK
Sito ufficiale del film Little Fockers (Vi presento i Nostri) di Paul Weitz
Sito italiano del film Vi presento i Nostri di Paul Weitz
Filmografia di Paul Weitz
Universal Pictures