Concerto – Proiezione di Ivory Tower. Musiche di Chilly Gonzalez – Regia di Adam Traynor

di Diana Marrone

adam_traynor-chilly_gonzalez-ivory_towerCerto, sarebbe semplice liquidare Ivory Tower come un finto musical o la più luminosa ed esistenzialista delle trovate per fare uscire un nuovo disco quando la musica non solo la si ama e la si suona, ma la si produce ai massimi livelli (nomination ai Grammy incluse). Parliamo di Chilly Gonzales (aka Gonzo), il mitologico artista canadese, che firma il suo primo film, in distribuzione dal 26 ottobre 2010 (lingua inglese) anche in Italia, dopo la sua uscita ufficiale mondiale con il festival di Locarno ad agosto (selezione ufficiale).
Produzione canadese, Ivory Tower (regia di Adam Traynor) lo abbiamo visto all’Apollo di Milano preceduto da una performance di solo piano nudo di Chilly in babbucce e veste da camera a quadroni che si ripete anche prima delle proiezioni del 26 ottobre. Non è un film sugli scacchi ma sui massimi sistemi, sulla visione della vita. Pretesto è riscrivere la regola degli scacchi: non più lotta per lo scacco matto ma avvicinamento lento e suadente (Jazz Chess) allo stallo. La posizione in cui non si vince né si perde ed è impossibile continuare la partita: è l’unica casella in cui il re non subisce matto e ha diritto a restarci.

chilly_gonzalezL’autore (non firma solo la produzione e la musica originale, prodotta da Boys Noize su etichetta Ponderosa, ma anche i dialoghi) fino a poco tempo fa è stato impegnato in una riduzione dei migliori racconti di Gogol per uno spettacolo mistico di piano e recitazione. Comicissimo, astuto e sexy come mai, Ivory Tower è tutto un mantra di sensi (non affatto unici) sulla storia a due: due fratelli, un triangolo amoroso diviso in due relazioni distinte, l’amore madre-figlio, un ondeggiare senza ritorno tra musica e scacchi, il dualismo di città, di continenti, di usi. Girato con un’impeccabile padronanza tra pieni e vuoti, tra suono e silenzio, tra panorama e interni, è un’opera assai matura per essere una prima. Tutti coloro che lo firmano, attori inclusi, sono performer della scena musicale indie e pop tra Europa e States, dj e produttori, come nel caso di Tiga e Peaches, che fanno ballare migliaia di persone nei club più famosi del mondo.

“Mi piace il cinema” dice in italiano Chilly prima di lasciare il palco dopo aver suonato, dissacrando con un mash-up filosofico al piano le epoche recenti del pop (dal valzer a Per Elisa a Top Gun, passando per il minimalismo screziato da attacchi di pezzi suoi). Molti dei fan italiani, in sala, tengono come indimenticabile il primo album, del 1999: Gonzales Uber Alles (Kitty Yo), quando lui si esibiva in teatri o centri sociali sempre in smoking rosa. Dopo, certo, come pianista ci ha stupiti con il record mondiale per piano solo: Parigi, Ciné13 di Claude Lelouch, 200 temi diversi. Durata 27 ore, tre minuti, 44 secondi.

Le prossime proiezioni con performance (dopo Londra, Amburgo, Parigi, New York, Francoforte e Berlino) saranno a Ginevra, 11 febbraio 2011. Meglio tenere d’occhio il sito dell’artista per scoprire quali altre date saranno aggiunte.

© CultFrame 10/2010


TRAMA

Hershell (Chilly Gonzales) torna a casa a Toronto dopo anni di assenza. Suo fratello Thadeus (Tiga) intanto si è fidanzato con la sua donna Marsha Thirteen (Peaches), che ha smesso di fare l’artista concettuale e fa da infermiera alla loro vecchia madre. Entrambi i fratelli sono grandi scacchisti come il misterioso padre di cui s’intuisce ascendenza askenazi. Solo che Hershell si è messo in testa di riscrivere il gioco, con l’uso del ritmo del jazz (bianco e nero) senza competizione diretta. Una sfida tra i due finirà in stallo. Hershell dimostra qualche ragione, Thadeus è pronto a riconsiderarsi e aiuta il fratello a produrre il Jazz Chess (Jazznutz). Marsha ritrova la sua strada e la creatività. La coppa del torneo non vinto da nessuno la terrà lei per ricordo.


CREDITI

Titolo: Ivory Tower / Regia: Adam Traynor / Sceneggiatura: Chilly Gonzales, Céline Sciamma /
Fotografia: Lee Towndrow / Montaggio: Pauline Gaillard / Musiche originali: Chilly Gonzales, Boys Noize / Interpreti: Chilly Gonzales, Peaches, Tiga, Feist / Produzione: Chilly Gonzales, Fraser Robinson, Melinda Cody, Matthieu Sibony, Nicolas Kazarnia / Distribuzione: Gentle Threat, Schmooze, Première Heure Productions / Paese: Canada / Durata: 75 minuti

LINK
MySpace – Chilly Gonzales

IMMAGINI
1 Chilly Gonzalez nel film Ivory Tower
2 Ritratto di Chilly Gonzalez

INFORMAZIONI
Proiezioni: Cinema Apollo / Galleria De Cristoforis 2, Milano / Telefono: 02.780390
Date: 25 e 26 ottobre 2010 / ore 19.30 – 22.00
Biglietto: 10,00 euro

Tags: , , , , ,

Lascia un commento

wenders incontra salgado



Il sale della terra: il docufilm di Wenders pecca di celebrazione (di Maurizio G. De Bonis - Punto di Svista)

[...] si tratta di un’agiografia priva di analisi e di approfondimento che, dunque, pone lo spettatore di fronte a un soggetto praticamente intoccabile. Così, ne Il sale della terra le sublimi e atroci immagini delle miniere d’oro in Brasile (Serra Pelada) finiscono incredibilmente per avere lo stesso valore degli inutili e banali scatti de [...]

Newsletter

Iscriviti alla newsletter di CultFrame - Arti visive

Archivi