Go Do. Videoclip di Jonsi

di Elisa Paltrinieri

jonsi-go_do2Il debutto di Jonsi come solista è inscindibile dal video realizzato dal duo islandese Arni e Kinski per il suo primo singolo Go Do. In questo caso non si tratta soltanto della creazione di un’efficace trasposizione visiva di un brano, ma di un vero e proprio processo di definizione dell’immagine di un musicista. Un simile processo è stato possibile forse anche perché i tre si conoscono da tempo, avendo già collaborato per alcuni videoclip dei Sigur Ros. Infatti Jonsi, ovvero Jon Thor Birginsson, da sedici anni è il cantante e il chitarrista del celebre gruppo islandese. In tutti questi anni ha scritto canzoni per conto proprio parallelamente alla produzione per il gruppo e, ora, nove di quelle canzoni vengono proposte al pubblico in un album prodotto dal suo compagno Alex Somers, in un momento di pausa dei Sigur Ros perché gli altri componenti sono alle prese con impegni familiari.

Il cd mantiene le caratteristiche peculiari della musica della formazione islandese e al tempo stesso se ne allontana. I brani riempiono i polmoni d’aria ed evocano spazi sconfinati, ma sono più immediati e ritmati, sono di minor durata e di più facile accesso. Jonsi, pur cantando in falsetto com’è suo solito, non lo fa più né in islandese antico né in una lingua inventata, bensì in inglese. Il testo di Go Do spinge a cantare fino a quando la voce si sarà spezzata, a urlare tanto forte da creare un terremoto, a suonare fino a quando le mani non avranno cominciato a essere dolenti. È un incitamento a vivere fino in fondo, senza paura e senza confini. La canzone è pervasa di energia tanto quanto di freschezza. Perciò Stefan Arni e Siggi Kinski, contrariamente al passato in cui si erano avvalsi spesso di ralenty e di una fotografia naturalistica, decidono di osare con i colori e di usare un montaggio frenetico e di inserire apposite sequenze per sottolineare il ritmo vitale: sono molto efficaci, per esempio, i primissimi piani (sfocati e virati in ciano) del viso di profilo di Jonsi mentre scuote la testa a tempo di musica oppure quando compare in un campo totale, in coincidenza con l’ingresso delle percussioni nel brano, vestito di bianco e illuminato da una candida luce artificiale contro uno sfondo nero mentre batte la mano destra sulla valigia tenendo il tempo.

jonsi-go_do1Il protagonista del video è sempre e soltanto Jonsi, vestito e truccato a metà fra un folletto e un uccello, il quale viene collocato in ambientazioni diverse: mentre scrive a ritmo accelerato con gessi colorati su pareti scure; mentre è appollaiato su un albero; mentre libera alcune colombe da una gabbia; mentre è seduto su una scogliera in immagini solarizzate. Nonostante l’apparente caos delle sequenze, il video è attraversato da un filo rosso costituito dalla valigia, all’inizio battuta e alla fine lanciata nell’oceano. Quest’ultimo gesto è espressione non di rabbia né di liberazione, ma di pura e semplice libertà. Il videoclip, nato dalla fortunata collaborazione con i due registi, è un manifesto che presenta lo spirito del nuovo lavoro di Jonsi: lo stesso costume usato nel video viene richiamato nella foto di copertina del cd e viene indossato dal cantante nei primi live, che hanno inaugurato la tournèe mondiale, mentre vengono proiettate su teli bianchi animazioni con uccelli colorati.

© CultFrame 05/2010


CREDITI

Video: Go Do / Interprete: Jonsi / Album: Go / Etichetta: EMI / Regia: Arni & Kinski

LINK
CULTFRAME. You Don’t Know Love. Videoclip degli Editors. Regia di Arni & Kinski

Il videoclip Go Do di Jonsi

Il sito di Jonsi

Il sito di Arni & Kinski
EMI

Tags: , , ,

Lascia un commento

wenders incontra salgado



Il sale della terra: il docufilm di Wenders pecca di celebrazione (di Maurizio G. De Bonis - Punto di Svista)

[...] si tratta di un’agiografia priva di analisi e di approfondimento che, dunque, pone lo spettatore di fronte a un soggetto praticamente intoccabile. Così, ne Il sale della terra le sublimi e atroci immagini delle miniere d’oro in Brasile (Serra Pelada) finiscono incredibilmente per avere lo stesso valore degli inutili e banali scatti de [...]

Newsletter

Iscriviti alla newsletter di CultFrame - Arti visive

Archivi