La città verrà distrutta all’alba. Un film di Breck Eisner

breck_eisner-citta_verra_distrutta1Il cinema americano, in questi suoi primi dieci anni del nuovo millennio, ha sfornato una serie di remake incredibilmente lunga. Anche se, per la verità, la cinematografia statunitense, sin dalla sua nascita, si è servita dell’arte del remake per divulgare in varie maniere i soliti contenuti. Con un’unica (grande) differenza: i registi, un tempo, mescolavano bene le carte prima di distribuirle e cambiavano, spesso e volentieri, addirittura genere. Perciò un melodramma diventava un western oppure un noir diventava un musical, e così via. Il pubblico raramente se ne accorgeva e i critici segnalavano l’operazione come un’iniziativa di grande intelligenza, soprattutto se dietro la macchina da presa c’era un maestro. E vorrei fare solo un esempio prima di passare ad altro. La versione hawksiana di Prima pagina, in cui il personaggio di Hildy cambia sesso e diventa donna.
Ebbene, il massimo dell’arte del remake è stato raggiunto sul finire degli anni 90 quando Gus van Sant ha firmato la sua versione filologica di Psyco di Alfred Hitchcock. Da allora la strada è stata tutta in discesa. Perciò trovarsi davanti ad un rifacimento particolarmente accorto di uno dei lungometraggi meno noti di George A. Romero (ma non per questo disprezzabile) come La città verrà distrutta all’alba non può che destare la nostra attenzione. Perché la pellicola di Breck Eisner è un consapevole b-movie dinamico al punto giusto che aggiorna il film di Romero sia nella psicologia dei personaggi sia nello stile e nella costruzione dinamica delle scene.
In altre parole, rispetto al lavoro di Romero (che qui figura come produttore esecutivo), questo ha le qualità che all’originale in parte mancavano: compattezza narrativa, costruzione della suspense,  effetti speciali di buon livello;  e poi anche: la forte connotazione politica e anti-istituzionale, la perfidia e l’anticonvenzionalità.

breck_eisner-citta_verra_distrutta2Giocando continuamente al gatto e al topo, Breck Eisner, ci porta per mano nell’autostrada della follia umana, in un crescendo continuo di paura che nasce dal contagio che si è ormai impossessato di quasi tutti gli abitanti di una piccola città.
In pochi sono ancora “normali” ma anche loro sono condannati, così come i “pazzi”, perché pilotati dalla sana e mortale follia che ormai li ha avvolti tutti. E il regista costruisce ciò creando alcuni momenti memorabili come quello nell’autolavaggio oppure nella scena all’interno della casa dello sceriffo, citazione palese dell’archetipo assoluto del genere apocalittico come Gli uccelli di Alfred Hitchcock.
Ovviamente, gli omaggi al genere e al cinema dello stesso Romero, con i “folli” che sembrano degli zombie, danno al tutto la sensazione di un gradevole dejà vu  che ci riporta a quei remake di cui abbiamo parlato all’inizio dell’articolo.
Assolutamente adeguati gli attori, mentre pollice verso per la sceneggiatura che sembra uscita da qualche oscuro horror italiano di serie Z.
Dimenticavamo però un particolare: per quel che riguarda il genere a cui appartiene La città verrà distrutta all’alba la sceneggiatura non è proprio necessaria.

© CultFrame 04/2010


TRAMA

Ogden Marsh. L’acqua della tranquilla cittadina del Midwest è stata contaminata da una misteriosa tossina che ha trasformato gli abitanti in terrificanti assassini. I pochi rimasi illesi, impossibilitati a fidarsi di vicini e amici, abbandonati dalle autorità e terrorizzati dall’idea di contrarre a loro volta la malattia, dovranno ingaggiare una lotta disperata per rimanere in vita.

CREDITI
Titolo: La città verrà distrutta all’alba / Titolo originale: The Crazies / Regia: Breck Eisner / Sceneggiatura: Scott Cosar, Ray Wright / Interpreti: Timothy Olyphant, Radha Mitchell, Joe Anderson, Danielle Panabaker / Fotografia: Maxime Alexandre / Montaggio:  Billy Fox / Scenografia: Andrew Menziesr / Musica: Mark Isham / Produzione: Michael Aguilar, Dean Georgaris, Rob Cowan / Distribuzione: Medusa / USA, 2009 / Durata: 101 minuti

LINK
CULTFRAME. Survival of the Dead. Un film di George A. Romero
CULTFRAME. La terra dei morti viventi – Director’s Cut. Il film di George A. Romero in Dvd
CULTFRAME. La terra dei morti viventi. Un film di George A. Romero
Sito ufficiale del film The Crazies (La città verrà distrutta all’alba) di Breck Eisner
Filmografia di Breck Eisner
Medusa