Portoallegro. Opera di Danilo Capasso. Liverpool Biennial 2009

di Redazione CultFrame

danilo_capasso-portoallegro Bank Hall, distretto di Liverpool, è stato l’avanguardia della Rivoluzione Industriale, testimoniandone la modernità e la progressiva evoluzione: dalle prime macchine automatiche, al motore a vapore, fino all’elettricità, alle autostrade e alle nuove ferrovie. Tutto avvenuto, in un rapido crescendo, negli ultimi 150 anni. Oggi, l’area non è più testimone o simbolo d’innovazione, a causa del declino inesorabile delle fabbriche dal 1980 e Bank Hall giace dimenticata, aspetta solo di essere invitata ad entrare in una nuova era.

Portoallegro è esattamente questo: un tentativo di nuovo futuro attraverso la costruzione di una marina di Bank Hall, che offra anche un potente assaggio d’archeologia industriale e sia un luogo sociale anche per chi non possiede una barca per navigare sull’adiacente Leeds-Liverpool Canal, il più lungo corso d’acqua artificiale del Regno Unito, un capolavoro d’ingegneria fluviale di due secoli fa lungo 127 miglia che dal 2008 è stato unito ai Docks del celebre porto di Liverpool grazie ad un modernissimo Link.

L’artista italiano Danilo Capasso (Napoli, 1971), fondatore e curatore del progetto N.EST nato nel 2004 per intervenire su aree industriali dismesse o brani di città soggetti a rapide trasformazioni con l’arte e la creatività, è stato invitato ad una residenza artistica dal Network Europeo delle Biennali, finanziata dalla Biennale di Liverpool: frutto di questa residenza l’invito a partecipare a Urbanism 2009, la mostra evento di Liverpool Biennial in collaborazione con Art for Places, uno dei più grandi progetti di rigenerazione urbana attraverso l’arte ideato dalla maggiore agenzia governativa Britannica (House Renewal Market) incaricata dell’edilizia pubblica a uso residenziale in tutto il Regno Unito.

Danilo Capasso trasforma un parcheggio asfaltato in disuso che copre 4000 metri quadrati sul corso del canale in un porto, dotato di Post Office, un caffè, un giardino e un approdo. I visitatori possono sedere e ascoltare musica, vedere film o semplicemente gustare la vita tipica delle marine, guardando passare le barche oppure spedendo cartoline disegnate dall’artista. Danilo Capasso: “Fare un porto significa iniettare nuova vita in questa porzione di canale. Più barche e persone visiteranno Bank Hall, più velocemente l’area si avvicinerà ad essere il luogo di fasti, pieno d’orgoglio e di futuro, che era quasi due secoli fa”.

Accanto alla bellezza architettonica che circonda Portoallegro (vari edifici industriali, ciminiere e un deposito del 1874 dotato di molo coperto), la storia dell’area sarà raccontata, insieme ai sogni, con foto, un audio-romanzo, un documentario e altri contenuti. Portoallegro, inoltre, ospiterà lavori d’altri artisti invitati a Urbanism 2009, quali una casa specchiante dell’artista polacco Maciej Kurak ed un esperimento sul cielo di Rob Sweere. A Portallegro inoltre attraccheranno sia la Tea House (una barca galleggiante ricavata da un container) dell’artista inglese Ben Parry, sia la charity badeboat, una galleria di pittura itinerante, dell’artista olandese David Bade. Nei giorni della mostra, sarà possibile anche prendere un canal cab (il classico taxi inglese, capovolto e trasformato in battello) del designer olandese Lambert Kamps.

Venerdì 18 settembre Portallegro ospiterà un grand opening, un ballo contemporaneo, in cui Danilo Capasso sarà dj e visual designer. Questo ballo sarà anche il momento conviviale della conferenza internazionale Happy City che si tiene il 17 e 18 settembre presso la St. Winnie’s School di Bootle (Liverpool), organizzata dalla Liverpool Biennial. La scuola, destinata all’abbattimento per far posto ad un nuovo quartiere residenziale, è stata utilizzata in tutto il 2008 e 2009, fino ai giorni di Urbanism, dalla Biennale di Liverpool che ha selezionato artisti locali e internazionali, tra cui Squash di Liverpool e RaumLabor di Berlino, per animarla e farla diventare un luogo di socialità per i residenti, nel frattempo che, magari, il suo futuro possa essere ripensato. Sabato 19 settembre, Portoallegro ospiterà anche la Canal Parade, un festival aperto alla partecipazione del pubblico con ogni sorta di barche. Una serie di poster dell’artista Danilo Capasso saranno installati nei giorni precedenti l’apertura della mostra sul percorso pedonale del Leeds-Liverpool Canal fino ad introdurre al pubblico la visione di Portoallegro.

Data l’eccezionalità della proposta, Portoallegro è stato selezionato ed inserito nel cartellone di Heritage Open Days, la più importante manifestazione britannica per la preservazione dell’archeologia industriale e sicuramente una delle più imponenti mostre a cielo aperto del mondo.

L’audiolibro e il documentario di Portoallegro sono stati realizzati in collaborazione con la giornalista e produttrice italiana Diana Marrone (editor e fundraiser di N.EST).

Danilo Capasso. Designer, artista, dj, studia Architettura e la sua ricerca è incentrata sulla relazione tra spazio, evento e movimento, luoghi urbani e mediatici. Fondatore e curatore del progetto d’arte e urbanistica N.EST, è stato fondatore e curatore del festival internazionale di arti elettroniche Sintesi, tenutosi a Napoli e Milano dal 2002 al 2005 è attualmente il presidente e fondatore di MAO media&arts office. Dal 2008 è anche web designer del nuovo Museo Archeologico Virtuale di Ercolano (Napoli). Dal 1998 al 2007 Danilo è presidente e membro fondatore di hub-labs, società di comunicazione e design molto attiva nell’arte contemporanea e nella creazione di eventi. Danilo Capasso ha esposto in Italia e all’estero – da ultimo al NAI di Rotterdam – ed è autore, con Diana Marrone, di diverse pubblicazioni internazionali che testimoniano la ricerca e la pratica artistica sin qui condotta.


CultFrame 09/2009


INFORMAZIONI

Dal 10 al 20 settembre 2009

Bank Hall Marina, Syren Street/Brasenose Road, Liverpool / Telefono: 0044 753 1575177

Orario: 20.00 – 18.00 / Venerdì 18 settembre ore 18-20 grand opening / Sabato 19 settembre ore 18-20 Canal Parade / Ingresso libero


LINK

Il sito di Danilo Capasso

N.EST – progetto a cura di Danilo Capasso

Liverpool Biennial

Heritage Open Days

Tags: , , , ,

Lascia un commento

Newsletter

Iscriviti alla newsletter di CultFrame - Arti visive

MOSTRA DEL CINEMA DI VENEZIA


LEONE D'ORO per il miglior film
A Pigeon Sat on a Branch Reflecting on Existence di Roy Andersson

LEONE D'ARGENTO per la migliore regia
Le notti bianche del postino (The Postman’s White Nights) di Andrey Konchalovsky

GRAN PREMIO DELLA GIURIA
The Look of Silence di Joshua Oppenheimer

COPPA VOLPI per la migliore interpretazione maschile e femminile a Adam Driver e Alba Rohrwacher
Hungry Hearts di Saverio Costanzo
(su Punto di Svista)

PREMIO PER LA MIGLIOR SCENEGGIATURA
Tales di Rakhshan Banientemad

PREMIO SPECIALE DELLA GIURIA
Sivas di Kaan Mujdeci

CONCORSO
Pasolini di Abel Ferrara

CONCORSO
Red Amnesia di Wang Xiaoshuai

CONCORSO
Nobi di Shinya Tsukamoto

FUORI CONCORSO
La trattativa di Sabina Guzzanti

CONCORSO
Loin des hommes di David Oelhoffen

CONCORSO
Il giovane favoloso di Mario Martone

CONCORSO
The Cut di Fatih Akin

GIORNATE DEGLI AUTORI
The Smell of Us di Larry Clark

FUORI CONCORSO
Tsili di Amos Gitai

SETTIMANA INTERNAZIONALE DELLA CRITICA
Villa Touma di Suha Arraf

CONCORSO
Tre cuori di Benoit Jacquot

CONCORSO
Anime nere di Francesco Munzi
(su Punto di Svista)

CONCORSO
Manglehorn di David Gordon Green

FUORI CONCORSO
L’umiliazione di Barry Levinson

FUORI CONCORSO
La rançon de la gloire di Xavier Beauvois

FUORI CONCORSO
She’s Funny That Way di Peter Bogdanovich

FUORI CONCORSO
In the Basement di Ulrich Seidl

CONCORSO
99 Homes di Ramin Bahrani

ORIZZONTI
The President di Mohsen Makhmalbaf

CONCORSO
Birdman di Alejandro G. Inarritu

GIORNATE DEGLI AUTORI
One on One di Kim Ki-duk

GIORNATE DEGLI AUTORI
MESSI di Alex de la Iglesia

Archivi