Il grande sogno. Un film di Michele Placido

michele_placido-il_grande_sogno“E’ un film molto autobiografio, una sorta di affresco d’epoca sul movimento ideale e le lotte giovanili del ’68 che risente molto della mia vera esperienza in quegli anni…”, così Michele Placido parla dell’obiettivo che, con questo film, si era prefissato, quello di raccontare un’epoca vista attraverso le battaglie dei giovani e, ancor più intimamente, anche nei piccoli, grandi scontri in seno ad una famiglia borghese. Tutto ciò però resta solo un’intenzione poiché il risultato che ne deriva è un confuso assemblaggio di immagini in cui nessun argomento è mai realmente approfondito.  La guerra del Vietnam, l’impegno politico, la voglia di cambiare il mondo sono elementi che, ne Il grande sogno, finiscono per  banalizzarsi in una narrazione di inquietante superficialità. La passione che animava i ragazzi in quella formidabile stagione resta intrappolata in triti cliché e in nessuna inquadratura emerge la forza e l’impeto dai quali scaturirono le battaglie, pubbliche e private, di chi allora contribuì a scrivere un pezzo di Storia.

I tre protagonisti non sono che mesti stereotipi le cui azioni, così come i sentimenti, risultano più che prevedibili incasellati come sono nell’ovvio schema del triangolo amoroso. Perché è a ciò che, da un certo punto in poi, l’intero film si riduce. La lotta politica e gli ideali si smarriscono nel dramma privato di Laura, della sua famiglia e del suo cuore diviso tra due uomini. Storie d’amore e lotte contadine, Nixon e le corse in Vespa tra le strade di Roma, la liberazione sessuale e il granitico cattolicesimo di una coppia di genitori simbolo di ottusità… Placido mescola tutto questo e, come la mistura di quella molotov fatale che farà esplodere il dramma, deflagra in un’ovvietà devastante. Il “trittico” Argentero/Scamarcio/Trinca non aiuta anche se il primo, rispetto ai suoi colleghi, si rivela– almeno – più onestamente volenteroso. Ciò che manca, in questo film, è il senso profondo dell’autentico, la verità appassionata che coinvolge, scuote e rende vivo il senso della Storia. Privati del “vero” ogni racconto, o opera, o film vanificano la loro essenza, destinati al nulla che vi rimane.

 

©CultFrame 09/2009

 

 

TRAMA

Nicola è un ragazzo pugliese che fa il poliziotto ma sogna di fare l’attore. Infiltrato nel mondo studentesco durante le lotte universitarie, incontra Laura, giovane della buona borghesia cattolica, e Libero, studente operaio, leader del movimento studentesco che sogna la rivoluzione. La ragazza è sedotta, per motivi diversi, da entrambi e, al tempo stesso, deve far  fronte alle ostilità dei suoi genitori che non capiscono il suo impegno politico. Nicola, Laura e Libero porteranno avanti le loro idee, affrontando anche gli aspetti più dolorosi delle loro scelte.

 

CREDITI

Titolo: Il grande sogno / Regia: Michele Placido / Sceneggiatura: Doriana Leondeff, Angelo Pasquini, Michele Placido/ Interpreti: Riccardo Scamarcio, Luca Argentero, Jasmine Trinca, Laura Morante, Silvio Orlando / Fotografia: Arnaldo Catinari / Montaggio: Consuelo Catucci / Musica: Nicola Piovani/ Produzione: Pietro Valsecchi e Camilla Nesbitt, Taodue, Babe Film in collaborazione con Medusa Film/ Distribuzione: Medusa Film/ Italia-Francia, 2009/ durata: 101 minuti

 

LINK

Filmografia di Michele Placido

 

2 commenti

  1. …scusa la curiosità, ma il film insiste molto, e con quale risultato, sulle belle presenze del suo cast? mi sembra che concedi una noticina di merito al nostro Argentero, che è così un bel ragazzo!

  2. dopo piu’ di vent’anni di fiction il 16/9 e la formazione televisiva degli attori e dei registi non si riesce più a fare un film vero !
    tanto vale starsene in casa a vedere la tv
    il vero cinema é morto….viva il cinema vero !!!!!!

I commenti sono chiusi.