66a Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia

PrintSi aprirà il 2 settembre e si chiuderà il 12 (dello stesso mese) la 66. edizione della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia. Un’edizione che avrà svolgimento nel contesto di una situazione cinematografica italiana decisamente allarmante con i tagli al FUS e la condizione di incertezza che diverrà elemento comune a molte realtà cinematografiche di casa nostra.

La Mostra, comunque, continua il suo percorso. Non solo, da  quest’anno si dovrebbero iniziare a vedere i segni dei cambiamenti logistici previsti. Il Festival, come sostenuto dal Presidente Baratta, dovrà infatti convivere con i cantieri del nuovo Palazzo del Cinema e ciò determinerà dei cambiamenti a cui sia addetti ai lavori che pubblico pagante dovranno abituarsi. Cambierà il nome del PalaLido in Sala Darsena; sarà costruita una nuova sala davanti al Casinò che si chiamerà Sala Perla 2 (450 posti) e che ospiterà solo le proiezioni della Settimana Internazionale della Critica e delle Giornate degli Autori.

 

Ma veniamo al programma, come sempre firmato dal direttore Marco Müller. Da segnalare che il film di apertura di Venezia 66 (la sezione principale del festival) sarà l’atteso Baarìa di Giuseppe Tornatore. Altri italiani in concorso sono Giuseppe Capotondi con La doppia ora, film interpretato da Filippo Timi, Francesca Comencini, che presenterà il suo ultimo lavoro intitolato Lo spazio bianco, e Michele Placido che porterà al Lido l’ultra annunciato Il grande sogno, con Riccardo Scamarcio, Jasmine Trinca, Luca Argentero, Laura Morante e Silvio Orlando.

Il concorso propone anche altri grandi nomi del cinema mondiale, come il tedesco/turco Fatih Akin (Soul Kitchen), Patrice Chereau (Persecution), Werner Herzog (Bad Lieutenant: Port of Call New Orleans), che si è affidato a un singolare cast composto da Nicolas Cage, Eva Mendes e Val Kilmer, Michael Moore (Capitalism: A Love Story), Jacques Rivette (36 vues du PIc Saint Loup), Todd Solondz (Life During Wartime) e Shinya Tsukamoto (Tetsuo The Bullet Man).

 

Analizzando le opere in concorso si possono rintracciare anche alcune curiosità: l’opera della fotografa e videoartista iraniana Shirin Neshat (celebratissima nel mondo dell’arte contemporanea) intitolata Zanan-e bedun-e mardan, quella del maestro dell’horror George Romero (una vera particolarità per la Mostra di Venezia), il cui titolo è Survival of the Dead, e infine il film israeliano firmato da Samuel Maoz, Levanon, che si annuncia come una delle pellicole più forti dell’intera manifestazione.

Scorrendo il resto del programma si rintracciano appuntamenti di discreto interesse. Nella sezione Fuori Concorso ci saranno Steven Soderbergh, con The Informant, e Joe Dante, con The Hole. In Cinema del Presente, compaiono i nomi di Abel Ferrara (Napoli, Napoli, Napoli), Francesco Maselli (Anni luce) e Oliver Stone (South of the Border). Ultima chicca che vogliamo porre alla vostra attenzione è quella della presenza in Orizzonti di un’altra significativa videoartista pluripremiata nell’ambito della manifestazioni internazionali di arte contemporanea: Pipilotti Rist (Pepperminta).

 

Il programma della 66. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, forse non possiede le caratteristiche glamour del cartellone di Cannes ma quest’anno sembra proporre un percorso filmico di ottimo livello.

Resta qualche dubbio sulle questioni di carattere organizzativo. Svolgere un Festival del genere nel bel mezzo di una mutazione strutturale non sarà cosa facile e speriamo che gli sforzi, sottolineati dal Presidente Baratta, fatti per fornire servizi di ristoro ai festivalieri meno modesti e costosi del solito vadano a buon fine. Lo vedremo solo partecipando. Appuntamento a settembre quando Cultframe pubblicherà corrispondenze dettagliate e continue, recensioni e articoli  dal Lido.

 

©CultFrame 07/2009

 

 

 

Venezia 66 – Concorso internazionale di lungometraggi in prima mondiale

 

FATIH AKIN – SOUL KITCHEN. Germania, 99′. Adam Bousdoukos, Moritz Bleibtreu, Birol Uenel

GIUSEPPE CAPOTONDI – LA DOPPIA ORA. Italia, 95′. Ksenia Rappoport, Filippo Timi, Giorgio Colangeli

POU-SOI CHEANG – YI NGOI (ACCIDENT). Cina-Hong Kong, 89′. Louis Koo, Richie Jen, Michelle Ye

PATRICE CHÉREAU – PERSÉCUTION. Francia, 100′. Romain Duris, Charlotte Gainsbourg, Jean Hugues Anglade, Alex Descas

FRANCESCA COMENCINI – LO SPAZIO BIANCO. Italia, 96′. Margherita Buy, Guido Caprino, Salvatore Cantalupo

CLAIRE DENIS – WHITE MATERIAL. Francia, 100′. Isabelle Huppert, Nicolas Duvauchelle, Isaach De Bankolé

JACO VAN DORMAEL – MR. NOBODY. Francia. Jared Leto, Diane Kruger, Sarah Polley

TOM FORD – A SINGLE MAN. Usa, 99′. Colin Firth, Julianne Moore, Matthew Goode

JESSICA HAUSNER – LOURDES. Austria, 99′. Sylvie Testud, Léa Seydoux, Bruno Todeschini

WERNER HERZOG – BAD LIEUTENANT: PORT OF CALL NEW ORLEANS. Usa, 121′. Nicolas Cage, Eva Mendes, Val Kilmer, Michael Shannon

JOHN HILLCOAT – THE ROAD. Usa, 112′. Charlize Theron, Viggo Mortensen, Guy Pearce, Robert Duvall

VIMUKHTI JAYASUNDARA – AHASIN WETEI (BETWEEN TWO WORLDS). Sri Lanka, 80′. Thusitha Laknath, Kaushalya Fernando, Huang Lu

AHMED MAHER – EL MOSAFER (THE TRAVELLER). Egitto, 125′. Omar Sharif, Cyrine AbdelNour, Khaled El Nabawy

SAMUEL MAOZ – LEVANON (LEBANON). Israele, 92′. Yoav Donat, Itay Tiran, Oshri Cohen

MICHAEL MOORE – CAPITALISM: A LOVE STORY. Usa, 120′. (documentario)

SHIRIN NESHAT – ZANAN-E BEDUN-E MARDAN (WOMEN WITHOUT MEN). Germania, 95′. Pegah Feridon, Shabnam Tolouei, Orsi Tóth, Arita Shahrzad

MICHELE PLACIDO – IL GRANDE SOGNO. Italia, 101′. Riccardo Scamarcio, Jasmine Trinca, Luca Argentero, Laura Morante, Silvio Orlando

JACQUES RIVETTE – 36 VUES DU PIC SAINT LOUP. Francia, 84′. Jane Birkin, Sergio Castellitto, André Marcon, Jacques Bonnaffé

GEORGE ROMERO – SURVIVAL OF THE DEAD. Usa, 90′. Alan Van Sprang, Kenneth Walsh, Devon Bostick, Kathleen Munroe

TODD SOLONDZ – LIFE DURING WARTIME. Usa, 92′. Ciarán Hinds, Emma Hinz, Charlotte Rampling

GIUSEPPE TORNATORE – BAARÌA. Italia, 150′. Francesco Scianna, Margareth Madè, Raoul Bova, Enrico Lo Verso, Michele Placido, Vincenzo Salemme, Monica Bellucci, Laura Chiatti

SHINYA TSUKAMOTO – TETSUO THE BULLET MAN. Giappone, 80′. Eric Bossick, Akiko Monou, Shinya Tsukamoto

YONFAN – LEI WANGZI (PRINCE OF TEARS). Cina – Taiwan, Hong Kong, 120′. Chih-Wei Fan, Terri Kwan, Joseph Chang, Kenneth Tsang

 

 

Fuori Concorso – Opere firmate da autori di importanza riconosciuta

 

JAUME BALAGUERÓ, PACO PLAZA – REC 2. Spagna, 85′. Manuela Velasco, Jonathan Mellor, Andreas Ros Mire, Ariel Casas, Pablo Rosso

FRUIT CHAN, CUI JIAN – CHENGDU, WO AI NI (CHENGDU, I LOVE YOU). Cina, 78′. Tao Guo, Anya Wu, Weiei Tan

JOE DANTE – THE HOLE. Usa, 98′. Chris Massoglia, Haley Bennett, Natham Gamble, Teri Polo, Bruce Dern

ABEL FERRARA – NAPOLI NAPOLI NAPOLI. Italia, 102′. Luca Lionello, Ernesto Mahieux, Shanyn Leigh, Giuseppe Lanzetta

ANTOINE FUQUA – BROOKLYN’S FINEST (NEW VERSION). Usa, 140′. Richard Gere, Don Cheadle, Ethan Hawke, Wesley Snipes, Ellen Barkin

GRANT HESLOV – THE MEN WHO STARE AT GOATS. Usa, 90′. George Clooney, Ewan McGregor, Jeff Bridges, Kevin Spacey

ANURAG KASHYAP – GULAAL. India, 140′. K K Menon, Aditya Srivastav, Piyush Mishra, Mahi Gill

ANURAG KASHYAP – DEV D. India, 144′. Abhay Deol, Mahie Gill, Kalki Koechlin

JOHN LASSETER – TOY STORY 3-D. Usa, 80′. (animazione)

JOHN LASSETER, LEE UNKRICH, ASH BRANNON – TOY STORY 2 3-D. Usa, 94′. (animazione)

FRANCESCO MASELLI – ANNI LUCE. Italia, 91′. Roberto Herlitzka, Ennio Fantastichini, Valentina Carnelutti, Arnoldo Foà, Lucia Poli

GIULIANO MONTALDO – L’ORO DI CUBA. Italia, 74′. (documentario)

YOUSRY NASRALLAH – EHKY YA SCHAHRAZAD (SCHEHERAZADE, TELL ME A STORY). Egitto, 135′. Mona Zakki, Mahmoud Hemeda, Hassan El Raddad, Sawsan Badr

ROMAN PASKA, JOHN TURTURRO – PROVE PER UNA TRAGEDIA SICILIANA. Italia, 77′. (documentario)

MEHRA RAKEYSH OMPRAKASH – DELHI-6. India, 110′. Om Puri, Waheeda Rehman, Abhishek Bachchan, Sonam Kapoor, Rishi Kapoor

RINTARO – YONA YONA PENGUIN. Giappone, 87′. (animazione)

STEVEN SODERBERGH – THE INFORMANT! Usa, 108′. Matt Damon, Melanie Lynskey, Scott Bakula, Joel McHale

OLIVER STONE – SOUTH OF THE BORDER. Usa, 102′. (documentario)

NICOLAS WINDING REFN – VALHALLA RISING. Danimarca, 90′. Mads Mikkelsen, Alexander Morton, Stewat Porter

 

 

INFORMAZIONI

Dal 2 al 12 settembre 2009

Palazzo del Cinema,  PalaLido, Casinò, PalaBiennale / Lido di Venezia
Telefono: 0412726501 / Fax 0412726520 / cinema@labiennale.org

LINK

Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia – Il sito