¿De qué otra cosa podríamos hablar? Mostra di Teresa Margolles. Padiglione Messico. 53a Mostra Internazionale d’Arte di Venezia

teresa_margolles2La mostra ¿De qué otra cosa podríamos hablar? (Di cos’altro potremmo parlare?) di Teresa Margolles, curata da Cuauhtémoc Medina, si articola in un unico e continuo intervento da parte dell’artista messicana presente nel palazzo con installazioni, azioni e performance. I lavori realizzati da Teresa Margolles e presenti al Padiglione Messico sono una cronaca acuta e penetrante degli effetti di una crudele economia globalizzata: il circolo vizioso di proibizione, dipendenza, accumulazione di ricchezza, povertà, odio e repressione che trasforma i piaceri trasgressivi e le ossessioni puritane del Nord nell’Inferno del Sud.

 

Nel 1990 Teresa Margolles (Messico 1963) è stata tra i fondatori del gruppo SEMEFO (Servicio Médico Forense/Servizio Medico Forense) e da allora, in questa veste, ha organizzato performance, creato installazioni, oggetti, video e interventi in spazi pubblici. In seguito Margolles ha proseguito il suo lavoro da sola, trasformando un obitorio di Città del Messico nel proprio studio, dove ha sviluppato delle strategie artistiche, utilizzando sostanze corporee e immagini di cadaveri. La sua esplorazione dell’idea della morte è legata ad una indagine sempre più approfondita delle disuguaglianze politiche ed economiche oggi presenti, dello sfruttamento sociale, del processo che attiene al lutto, e del modo in cui la violenza, sempre più diffusa, determina l’odierno panorama filosofico e culturale.

A causa della recente ondata di violenza in Messico — secondo i giornali, più di 5000 persone hanno perso la vita in omicidi e sparatorie, che hanno a che fare con il traffico della droga e la lotta contro di esso — il lavoro di Teresa Margolles — che per quasi vent’anni si è focalizzato sull’esplorazione della possibilità di interventi artistici sui cadaveri umani — si è concentrato sempre più sulla morte violenta e sulle sue vittime.

Il più recente lavoro di Teresa Margolles, infatti, comprende la cronaca acuta e toccante della pervasiva economia di morte che affligge il nord del Messico.

 

teresa_margolles1Negli ultimi due anni l’artista ha fissato la propria attenzione sulla creazione di installazioni, dipinti e oggetti partendo dalle tracce materiali ritrovate nei luoghi in cui sono avvenuti gli omicidi, e dalle parole e dai discorsi ad essi associati, presi dai biglietti in cui si dà ordine di uccidere qualcuno, o dai verbali della polizia o ancora dalla cronaca della violenza riportata dai giornali.

 

¿De qué otra cosa podríamos hablar? sarà una sorta di racconto basato su strategie di contaminazione e di azioni materiali, che coinvolgeranno lo spettatore, sia a livello emotivo che intellettuale, portandolo a riflettere sul modo in cui la violenza e l’odierna economia globalizzata comportino l’impressionante ammissione che un’intera generazione di individui sia da considerarsi una sorta di classe sociale “a perdere”, una classe sociale che potrebbe virtualmente scomparire, intrappolata tra la perversa logica della criminalità, quella del capitalismo e quella della proibizione.

 

Il progetto del Padiglione Messico sarà accompagnato anche da una serie di azioni pubbliche, che estenderanno il concetto della partecipazione di Teresa Margolles a questa 53esima Esposizione Internazionale d’Arte, ai luoghi dove si svolge la Biennale e alle diverse zone di Venezia.

 

CultFrame 05/2009

 

 

INFORMAZIONI

Dal 7 giugno al 22 novembre 2009

Palazzo Rota-Ivancich / Castello 4421,Venezia

A cura di Cuauhtémoc Medina

Catalogo bilingue inglese-spagnolo

 

LINK

CULTFRAME. Glass Stress. Evento Collaterale. 53a Esposizione Internazionale d’Arte di Venezia

CULTFRAME. Change in Drawing Orchestra. Mostra di Koka Ramishvili. Padiglione Georgia. 53a Esposizione Internazionale d’Arte di Venezia

CULTFRAME. Navigare l’incertezza. Mostra di Alessandro Verdi. 53a Esposizione Internazionale d’Arte di Venezia

CULTFRAME. ON-AIR. Mostra di AttaKim. 53a Esposizione Internazionale d’Arte di Venezia

CULTFRAME. Omaggio a Pietro Cascella. 53a Esposizione Internazionale d’Arte di Venezia

CULTFRAME. Le ciel regarde la terre. Mostra di Philippe Pastor. Padiglione Principato di Monaco. 53a Esposizione Internazionale d’Arte di Venezia

CULTFRAME. Stanze d’Artista. Padiglione della Repubblica Araba Siriana. 53a Esposizione Internazionale d’Arte di Venezia

CULTFRAME. 53a Esposizione Internazionale d’Arte di Venezia. Anticipazioni

Esposizione Internazionale d’Arte di Venezia – Il sito