LIVE! – Ascolti record al primo colpo. Un film di Bill Guttentag

bill_guttentag-live

Vi sarà capitato di ascoltare un notiziario di “Ondaverde”: …l’incidente sulla A4 ha provocato due chilometri di coda, altri 5 Km. di incolonnamento per curiosi…” Curiosi? Ma chi saranno questi “curiosi”? Probabilmente gli stessi miserabili, appassionati di esecuzioni e morti violente, di cui blatera l’insopportabile executive Katy, interpretata da una straripante Eva Mendes, mattatrice assoluta dell’opera prima del documentarista Bill Guttentag.


Mendes produttrice nella finzione e nella realtà con questo Live!, peraltro arrivato sui nostri schermi con un paio d’anni di ritardo. Forse per questo la satira sul cinismo degli ascolti appare un po’ spuntata, complice una regìa incerta e a tratti disonesta. Guttentag, infatti, sceglie la strada del mockumentary, un falso documentario apologetico e invasivo incentrato su Katy. Ma l’escamotage dura poco, ben presto il rigore delle riprese in soggettiva e con camera a mano scolora nell’enfatizzazione della tensione da indici d’ascolto, e il punto di vista ritorna quello moralistico e spiacevolmente ambiguo di tanto cinema americano.
La protagonista, una sorta di Simona Ventura incattivita ed adrenalinica (pare impossibile, vero?), in limine mortis si concede un’appagante, quanto gratuita, crisi di coscienza, mentre naturalmente the show must go on… Ma se la satira sull’etica dell’audience sembra essere già stata superata dalla realtà di youtube, dove tra le clip più viste ci sono quelle sugli incidenti mortali, oltre alla lussureggiante bellezza della Mendes, in Live! funzionano gli irresistibili video-promo dei concorrenti, veri e propri mostri sociali creati dai più triti cliché, così come risultano acuti i continui riferimenti alle televisioni francese ed italiana dove “ballano ragazze a seno nudo”, in contrapposizione al bieco puritanesimo americano che esibisce la morte e rifugge da un capezzolo. Alla fin fine, però, oltre a chiedersi il significato dell’insistito poster de La Dolce Vita, ci si accorge che la freccia satirica manca il bersaglio perché cerca di colpirne troppi, dagli sgradevoli concorrenti ai malefici ideatori, fino all’ipocrisia monetaria di politica ed istituzioni di sorveglianza, in un panorama in cui tutti sono cattivi, e nessuno quindi lo è.
Ma allora, chi sono “i curiosi”?


©CultFrame 03/2009

 

TRAMA

La produttrice televisiva Katy Courbet, ossessionata dagli indici di ascolto e dalla competizione con gli altri network sul terreno dei reality show, ha ideato un format destinato a diventare l’esperimento televisivo più sensazionale di tutti i tempi. “Live!” è infatti il titolo del programma in cui i concorrenti, pistola in mano, dovranno sfidarsi alla roulette russa per aggiudicarsi il ricco montepremi. Prima di riuscire a mandare il suo show in onda Katy dovrà però lottare con determinazione per difendere il suo format, forzare le leggi e le interpretazioni della Costituzione, persuadere gli inserzionisti pubblicitari e vincere le resistenze dei dirigenti del network. Ma all’avvio della diretta, i cinici propositi della giovane saranno messi in discussione da un inaspettato fuori programma.

 

CREDITI

Regia Bill Guttentag / Interpreti Eva Mendes, David Krumholtz, Eric Lively, Katie Cassidy, Paul Michael Glaser, Curtis “50 Cent” Jackson, Jay Hernandez / Sceneggiatura Bill Guttentag / Fotografia Stephen Kazmierski / Montaggio Jim Stewart / Scenografia Robert de Vico / Musica Phil Marshall / Produzione Mosaic Media Group / Distribuzione Moviemax / Paese USA 2007 / Durata 96 minuti

 

LINK

Filmografia di Bill Guttentag

Moviemax