Camera con vista. Collettiva di videoartisti napoletani

giovanni_callema-mariangela_levitaCamera con vista è un romanzo dello scrittore inglese E. M. Forster, che narra la storia di una giovane donna nella cultura sessualmente repressa dell’Inghilterra Edwardiana. James Ivory ha diretto l’omonimo film del 1985 che ha fatto incetta di premi ed è sicuramente uno dei titoli più noti del regista in Italia. Camera con Vista è anche una collettiva di artisti che lavorano (anche) con il video esposta a Napoli (PAN | Palazzo delle Arti) e che rappresenta, secondo i giovani curatori Eugenio Viola ed Adriana Rispoli, una ricognizione, una rassegna, “uno sguardo più che un’indagine”, come ci spiegano, sugli artisti visivi che operano o sono di Napoli ed utilizzano prevalentemente il video. Con la supervisione artistica di Julia Draganovic, sono esposti lavori di varia lunghezza di Betty Bee, Bianco-Valente e Mass, Sebastiano Deva, Donatella Di Cicco, Maurizio Elettrico, Iabo, Francesco Jodice, Giovanni Calemma / Mariangela Levita, Mara M, Antonello Matarazzo, Moio&Sivelli, Raffaella Nappo, Pasquale Pennacchio & Marisa Argentato, Giulia Piscitelli, Franco Scognamiglio, Lorenzo Scotto di Luzio, Marinella Senatore, Vedovamazzei.


Alcuni dei video sono già stati visti (Vedovamazzei è stato esposto recentemente al MADRE, il lavoro di Betty Bee è stato ripreso in varie collettive, il video di Moio&Sivelli è ospitato nel database www.napoliest.it) ma la forza della mostra è proprio la sua organizzazione cinematografica.

I video sono infatti presentati nella sala a piano terra del centro di documentazione napoletano, che da ora in avanti sarà adibita solo all’arte in video. I visitatori hanno la possibilità di vedere i video in una dark room uno dietro l’altro su grande schermo. Oppure su schermi di pc selezionandoli per autore e ascoltando l’audio in cuffia. Nella visione “cinematografica” e complessiva si può raffrontare tecniche e tematiche degli artisti, assai diversi per estrazione.


pasquale_pennacchio-marisa_argentatoLa verve di Pennacchio&Argentato si misura con il rigore stilistico di Vision Thing dell’inedita coppia Calemma-Levita (entrambi napoletani, vivono a Londra dove lui è un famoso fotografo e lei usa diversi mezzi espressivi). L’arte-scienza di Elettrico (che sta curando una stupenda installazione botanica di specie autoctone nel cuore di un grande e nascosto orto collinare cittadino, la Vigna di San Martino di proprietà del mecenate Peppe Morra) duetta con la tecnica low-fi di Vedovamazzei ma anche con i tableaux vivant della coppia di video artisti napoletani più conosciuta (Bianco-Valente) che ripropongono uno dei lavori di una loro personale da Artiaco che meglio fonde forse la loro ricerca visiva e musicale.

Dichiarano Viola e Rispoli: “Estremamente duttile, il video oggi non può essere più considerato un linguaggio d’avanguardia, ma la naturale evoluzione dei media tradizionali. Lo sviluppo del digitale applicato al video ha causato negli ultimi dieci anni notevoli cambiamenti, portando materiali e supporti a sconfinamenti necessari ed evidenti da un campo di applicazione all’altro. Questo punto di vista ha influenzato la scelta dei materiali selezionati, che includono lavori sia di artisti già inseriti nel circuito nazionale e internazionale che emergenti. In anteprima per Cultframe, possiamo anticipare che successivamente la mostra sarà esibita a Palazzo Italia, sede dell’Istituto di Cultura Italiano a Belgrado, da metà dicembre fino gennaio 2009.”


Viola e Rispoli, guest curators del PAN, presto presenteranno anche il prossimo calendario annuale della Project Room del museo regionale MADRE di Napoli, il cui spazio dedicato agli artisti emergenti sono stati chiamati a dirigere di fatto mettendo fine al lavoro svolto dalla precedente coppia di curatori, Del Vecchio e Palumbo, che vi hanno operato per meno di un anno, iniziando proprio con una mostra video di Marinella Senatore (All the Things I need, 2006), una dei nomi più interessanti della videoarte campana, del pari presente in Camera con Vista con uno dei primi lavori, da non perdere.


©CultFrame 11/2008

 

IMMAGINI

1 Giovanni Calemma e Mariangela Levita. Vision Thing, 2006, 3’15’. Courtesy degli artisti
2
Pasquale Pennacchio e Marisa Argentato. Modern Relics, 2008, 3′. Courtesy T293, Napoli

INFORMAZIONI

Camera con vista – Collettiva dei video artisti napoletani

Dal 27 settembre al 18 dicember 2008

PAN – Palazzo delle Arti / Via dei Mille 60, Napoli / Telefono: 0817958605

Lunedì – sabato 9.30 – 19.30 / domenica e festivi 9.30 – 14.30 / chiuso martedì

Catalogo: Electa / Italiano e Inglese / Testi: Julia Draganovic, Marina Vergiani, Adriana Rispoli, Eugenio Viola

 

LINK

PAN – Palazzo delle Arti, Napoli