Rec Mode 01. Video-Rassegna internazionale delle Accademie di Belle Arti

marek_bunesIl panorama della videoarte (per usare un termine ormai praticamente superato) è quasi imprendibile anche per il più agguerrito dei critici delle arti visive. Le manifestazioni e i musei internazionali ci hanno proposto tutto e il contrario di tutto, mentre l’uso della tecnologia digitale si diffonde nell’arte contemporanea come una sorta di elemento imprescindibile senza il quale sembra quasi impossibile potersi esprimere. Ovviamente, le cose non stanno così come abbiamo appena scritto e la verità è che il video (da non linguaggio qual è) è divenuto strumento di espressione diffusissimo che andrebbe però ulteriormente indagato per scoprirne altre eventuali possibili applicazioni.

Certo, la fascia creativa giovanile ha utilizzato questo strumento in maniera copiosa e in alcuni frangenti anche sorprendente, per questo ogni evento in grado di fare, almeno in parte, il punto della situazione ci sembra di particolare interesse.

Questo è il caso di Rec Mode 01, iniziativa nata ad opera dell’Accademia delle Belle Arti di Roma in collaborazione con la Galleria Valentina Moncada, sempre della capitale. Si tratta di una manifestazione con cadenza triennale, ideata e curata da Cecilia Casorati, Donatella Landi  e Luca Valerio, tutti docenti dell’Accademia romana e interessati evidentemente a monitorare ciò che succede in ambito video nei principali istituti artisti d’Europa.


Lo scopo, nobile, è anche quello di mettere in comunicazione le Accademie d’Arte del vecchio continente, in modo tale che sia possibile creare una sorta di punto di passaggio periodico che fornisca il polso della situazione creativa tra gli studenti europei che hanno deciso di utilizzare il video per dare forma al proprio universo espressivo. A parte la rassegna dei video selezionati, l’evento prevede il Premio Valentina Moncada, la realizzazione di un piccolo catalogo e di un dvd, fattori questi ultimi che, oltre a rappresentare il segno tangibile del lavoro svolto per l’organizzazione della rassegna, è di fatto materiale di studio e aggiornamento per chiunque si interessi alle problematiche in questione.
Quest’anno hanno partecipato cinque accademie europee: Roma, Brema, Vienna, Praga, Bratislava. Nove i titoli che hanno composto la selezione; alcuni decisamente interessanti, altri ancora poco incisivi.


mariana_ferrattoTra i documenti visivi più stimolanti vi segnaliamo quello della ceca Daniela Baračková intitolato You don’t need scarf on head, in cui la giovane artista ha ripreso la nonna mentre all’interno del suo orto parla di problemi politici attraverso concetti semplicistici e in un inglese molto stentato. L’altro ceco Marek Bureš, invece ha collocato la sua videocamera nel circuito automobilistico di Brno. Propone in tal modo un documento straniante (Work n.1), in cui il paesaggio immobile è reso fruibile dal cinguettio degli uccelli e dai movimenti apparentemente insensati di alcuni operai al lavoro. La tedesca Juliane Schmidt, studentessa dell’Accademia di Roma, ha realizzato con Andiamo via – non si può, una riflessione visuale sulla questione dell’attesa. Una donna è ripresa frontalmente e l’immagine risulta scomposta, ad esaltare la dimensione del nervosismo e della noia; mentre l’aspetto linguistico centrale riguarda chiaramente il concetto di distruzione dell’inquadratura, intesa come gabbia espressiva più che come “luogo” della rappresentazione. Marianna Ferratto, sempre dell’Accademia di Roma, compone un ritratto del tutto anticonvenzionale utilizzando un foglio bianco, una matita, le proprie mani e vari strumenti per il disegno grafico. Un video piccolo, semplice ma profondo che mostra tutta la sensibilità dell’autrice, sensibilità che percepiamo attraverso le mani che nervosamente cercano una soluzione e un’inquadratura che rappresenti una soggettiva psicologica, prima che semplicemente visuale.


Nel momento in cui scriviamo Rec Mode 01 è ospitata presso la Open Gallery di Bratislava, prova della capacità di questa iniziativa di promuovere il dialogo tra le culture visuali e artistiche dell’Europa contemporanea.

©CultFrame 07/2008

 

IMMAGINI

1 Marek Bureš
2 Marianna Ferratto

INFORMAZIONI

Rec Mode 01. Video-Rassegna internazionale delle Accademie di Belle Arti
Valentina Moncada / Via Margutta 54, Roma / Telefono: 063207956

Cura: Cecilia Casorati, Donatella Landi, Luca Valerio

 

LINK

Valentina Moncada, Roma