My Theatre. Mostra di Joan Jonas

joan_jonas-my_theatreMy Theater è la prima personale in Italia della famosa artista americana Joan Jonas dopo la partecipazione alla rassegna Concetto, Corpo e Sogno presso il Castello di Rivoli nel 2006. L’esposizione offre una panoramica sulla sua multiforme produzione artistica. In mostra, a delineare il complesso percorso creativo dell’artista, i My New Theater, uno dei suoi celebri Mirror Pieces e, in anteprima nazionale, l’installazione derivata dalla performance prodotta nel luglio scorso a Como, in occasione del Corso Superiore di Arti Visive: The Hand Reverts to its Own Movement… A completare l’esposizione sarà una selezione di video storici. Sei “piccole video sculture, minuscoli, poetici lavori video, ove lo spazio e la forma del box rappresentano una sorta di estensione dello studio. Sono come piccoli mondi in miniatura”. Così Joan Jonas descrive i My New Theater (1997-1999), miniteatri di legno che contengono al loro interno alcune sequenze di performance e sono corredati da materiali che alludono alla loro effettiva realizzazione.
Simile natura anche per Mirror Pieces (1968-2004) allestimento “specchio” di un’azione realizzata proprio con l’ausilio di superfici riflettenti. L’opera è il risultato di una performance realizzata in grandi spazi, in cui i protagonisti si muovono seguendo moduli geometrici e trasportando specchi che riflettono tanto i propri corpi quanto quelli del pubblico.

The Hand Reverts to its Own Movement… , invece, prende spunto da un testo di Aby Warburg, autore dal quale l’artista ricava anche la grande attenzione per simboli e archetipi provenienti da culture differenti, che vengono utilizzati nelle sue opere non tanto come riferimenti alle specifiche realtà di origine quanto come veicoli di significati universali. Tema centrale di questa azione è il disegno, in relazione al movimento e alla proiezione di immagini. Accanto alle installazioni verrà esposta una selezione di video, testimonianza storica di precedenti lavori.


joan_jonas-mirrors1Joan Jonas (1936, New York) è una delle più importanti artiste del panorama internazionale, emersa con forza nel corso degli anni Sessanta e Settanta ed ancora oggi attivissima ed apprezzata. Inizialmente attratta dalla scultura, a partire dal 1968 si dedica alla videoarte ed alla performance, nel mescolare le quali diventa una vera e propria pioniera. Spesso contrappone video e materiali di scena con immagini che prende all’esterno dello studio, in ambientazioni naturali o industriali. Nelle sue opere l’artista contamina insistentemente fra loro generi differenti, elaborando un linguaggio del tutto nuovo. Spesso protagonista delle sue opere performative, Joan Jonas interpreta al loro interno vari ruoli, accompagnando il movimento del corpo (influenzato dalle coreografie di Yvonne Rainer, Lucinda Childs, Trisha Brown, Deborah Hay) con disegni e canti in una trasformazione incessante. Proprio il suo essere presente in prima persona nelle azioni e nei progetti la rende protagonista di una indagine sul tema dell’identità e del suo doppio, e in particolare sulla femminilità che viene messa a nudo, travestita, mascherata. Le sue ricerche procedono per associazione e si nutrono di simbologie e di influenze ancestrali ed esoteriche differenti, che spaziano dalla Hopi Snake Dance (originaria dei nativi d’America) al Kabuki giapponese), dallo sciamanesimo alla religione vodoo.

L’artista ha avuto le sue più importanti mostre personali allo University Art Museum di Berkeley, California (1983), al Stedelijk Museum di Amsterdam (1994), alla Stadtsgalerie di Stuttgart (2000), a Documenta 11 di Kassel (2002), al Queens Museum of Art di New York (2004) ed al Castello di Rivoli di Torino (2006). E’ tuttora in corso una vasta retrospettiva al Museu d’Art Contemporani de Barcelona (2007), che sarà ospitata nel 2008 dal Centre d’Art Contemporain di Ginevra. Sempre nel 2008 l’artista parteciperà alla Biennale di Sidney.


CultFrame 02/2008

 

IMMAGINI

1 Joan Jonas. My New Theatre I
2 Joan Jonas. Mirror Pieces

INFORMAZIONI

Joan Jonas – My Theatre

Dal 24 novembre 2007 al 2 marzo 2008

Galleria Civica di Arte Contemporanea / Via Belenzani 46, Trento / Telefono: 0461985511

Tutti i giorni 10.00 – 18.00 / chiuso lunedì

Ingresso libero

Cura: Anna Daneri, Cristina Natalicchio, Roberto Pinto / Catalogo: Edizioni Charta