Cofanetto Sexybition XXX di Jean-François Davy e Paolo Poeti

di Nikola Roumeliotis

sexybitionIn Italia il cofanetto dal titolo Sexybition XXX, edito da Noshame e distribuito dalla Cecchi Gori rischia di diventare famoso perché ci propone la versione uncut, anche se per la verità è quella gonfiata con inserti hard spuri, della pellicola soft, Inhibition, di Paolo Poeti con la pornodiva francese Claudine Beccarie e Ilona Staller in fase pre-Schicchi. Ma per la verità il motivo d’interesse risiede nelle altre pellicole e in particolare in Exhibition, pellicola del 1975, firmata da un regista sperimentale, almeno all’epoca, come Jean François Davy. Ed è questo che ci ha incuriosito nella visione. Era il periodo del cosiddetto porno chic e in Francia, anni luce davanti dall’Italia, le pellicole a luci rosse erano già sdoganate e le sale che le proiettavano non erano quelle squallide della seconda, per non dire terza, visione. Molti registi si erano avvicinati con curiosità a quel “genere”: il porno. Registi come il grande Paul Vecchiali e Jean François Davy, solo per fare due nomi, sono rimasti affascinati dall’assoluta libertà del porno ed hanno cercato di capire i meccanismi.


In Exhibition, Davy, scopre i meccanismi prendendo in prestito il corpo più corpo del cinema hardcore francese come Claudine Beccarie e la riprende mentre racconta la sua vita più intima. E seguendo i metodi della nouvelle vague ammette che la macchina da presa non può che dire la verità. Emerge, attraverso anche scene di repertorio dei film della Beccarie e altre ostruite appositamente per Exhibition, infatti il sesso è tutto esplicito, il ritratto di una donna felice del suo mestiere anche se il mondo del porno francese ha più di un livido.

Exhibition è forse la prima volta che viene visto in Italia in versione integrale e soprattutto on il suo montaggio originale (la coppia che all’epoca circolò prima era priva delle scene spinte e più tardi reintegrate quelle l’hanno gonfiata con più “scopate” per renderla adatta al pubblico delle sale specializzate). Oggi, restaurato e con splendide immagini, va visto come il reperto straordinario di un’epoca mai dimenticata ma che, per il cambiamento dei costumi, risulta piuttosto lontana da oggi.

Del film di Poeti abbiamo detto: un softcore tutto italiano con la Beccarie impegnata in alcune scene lesbo con la giovane Ilona Staller, alcuni frammenti hard inseriti e un ottimo score musicale dei fratelli De Angelis. Meglio soprassedere su Sexhibition 79 che, nonostante risulti firmato dallo stesso Jean François Davy, è solo un film antologico con scene tratte da famosi porno dell’epoca. Grande quantità di extra, c’è persino un dvd rom con il fumetto Cicciolina insegnante liceale e il fotoromanzo La scrittrice dalla penna a sperma. Nemmeno l’ombra di un’intervista con il regista francese nonostante il suo ultimo film Les Aiguilles Rouges sia stato presentato nella prima edizione del Cinema – Festa Internazionale di Roma. Un vero peccato.


©CultFrame 11/2007

 

CREDITI

Titolo Dvd: Sexybition XXX / Film: Exhibition, Exhibition 79, Inhibition / Anni: 1975, 1979, 1976 / Regia: Jean François Davy, Paolo Poeti / Produzione: Noshame / Distribuzion: Cecchi Gori / Dvd: 3 / Extra: Diva – video musicale degli Elettronoir. La pornodiva che piaceva alle mamme. Me la ricordo, io me la ricordo bene. Memorie di un’esibizione. Menù Interattivi. Quando il soft diventa hard. Senza inibizioni. Vacanze in tunisia

 

LINK

Filmografia di Jean François Davy

Filmografia di Paolo Poeti

Cecchi Gori Home Video

 

Tags: , , , , , , ,

Lascia un commento

wenders incontra salgado



Il sale della terra: il docufilm di Wenders pecca di celebrazione (di Maurizio G. De Bonis - Punto di Svista)

[...] si tratta di un’agiografia priva di analisi e di approfondimento che, dunque, pone lo spettatore di fronte a un soggetto praticamente intoccabile. Così, ne Il sale della terra le sublimi e atroci immagini delle miniere d’oro in Brasile (Serra Pelada) finiscono incredibilmente per avere lo stesso valore degli inutili e banali scatti de [...]

Newsletter

Iscriviti alla newsletter di CultFrame - Arti visive

Archivi