Alterazioni. Le materie della fotografia tra analogico e digitale. Un libro a cura di Roberta Valtorta

roberta_valtorta-analogico_digitaleCome già affermato in altri articoli siamo nel pieno del dibattito teorico riguardate il passaggio dalla fotografia analogica a quella digitale. In realtà, come è possibile evincere dai saggi e dagli interventi dei maggiori studiosi del nostro paese, la questione centrale (del tutto irrisolta) riguarda però ancora la natura stessa dell’immagine digitale. Inoltre ci si domanda: l’emergente tecnologia può mutare lo statuto della fotografia e il suo presunto rapporto con la realtà?

Si ha spesso l’impressione che il discorso teorico segni un po’ il passo nei confronti delle scelte (definitive) dell’industria fotografica e del marketing di settore. Mentre gli studiosi teorizzano (spesso “accapigliandosi”), il mercato cambia radicalmente rotta, così come si sta completamente trasformando il rapporto tra fotografia e realtà sociale.

La questione principale sembra essere dunque più che altro legata ad una sorta di processo di storicizzazione di questo periodo di transizione ormai avviato alla sua conclusione. Peraltro il tentativo è quello di comprendere non tanto se e come muterà la fotografia, quanto piuttosto se e come cambierà il modo di sviluppare l’azione fotografica in ambito artistico e la conservazione delle immagini.

In tal senso, da il suo contributo la mostra Alterazioni. Le materie della fotografia tra analogico e digitale (Museo della Fotografia Contemporanea di Cinisello Balsamo, fino al 4 febbraio 2007) che ha dato vita ad un interessante volume dal medesimo titolo, curato da Roberta Valtorta e pubblicato da Lupetti Editori di Comunicazione.
Si tratta di un libro di notevole fattura all’interno del quale sono presentate oltre sessanta pagine di immagini che affrontano proprio le problematiche relative al tema della mostra. La sezione iconografica è preceduta da un’ampia parte dedicata a saggi critici che affrontano l’argomento da vari punti di vista. Autori dei capitoli sono Roberta Valtorta, Marina Pugliese, Christina Gattinoni, Silvia Berselli, Nora W. Kennedy, Peter J. Mustardo, Anne Cartier-Bresson, Françoise Ploye, Gabriella Guerci.

L’impostazione è teorico-storicista, e tende a inquadrare l’attuale fenomeno in un contesto evolutivo non limitato solo agli ultimissimi anni. Le riflessioni di grande interesse sono innumerevoli, dal problema dei nuove gigantesche dimensioni delle opere fotografiche a quello dei territori telematici di acquisizione delle immagini da parte degli artisti contemporanei. Tra i tanti aspetti affrontati ci ha però particolarmente colpito quello concernete il problema della conservazione/archiviazione delle immagini, operazione che passa dalla catalogazione di materiale cartaceo a materiale digitale, appunto.
Molto utili sono le varie bibliografie presentate alla fine dei capitoli intitolati Oltre i limiti: considerazioni sulla conservazione della fotografia contemporanea e La conservazione della fotografia contemporanea: approccio alle collezioni de la Ville de Paris.


©CultFrame 01/2007

 

CREDITI

Alterazioni. Le materie della fotografia tra analogico e digitale / Cura: Roberta Valtorta / Editore: Lupetti Editori di Comunicazione, 2006 / 194 pagine / 40,00 euro / ISBN: 88-8394-403-2

 

LINK

Museo della Fotografia Contemporanea, Cinisello Balsamo (MI)