La visita. Il film di Antonio Pietrangeli in dvd

di Maurizio G. De Bonis

antonio_pietrangeli-la_visitaNon c’è dubbio: Antonio Pietrangeli è stato uno dei maggiori cineasti italiani attivi tra gli anni cinquanta e il 1968, anno in cui morì a causa di un annegamento.

Dieci lungometraggi e due corti per film a episodi. Non una grandissima produzione (quantitativamente), ma senza dubbio un’esperienza di cinema che ha regalato alla nostra cultura audiovisiva alcuni importanti lavori.
Il fatto è che Pietrangeli è ormai un cineasta totalmente dimenticato. Si tratta di una vera e propria ingiustizia che non rende merito a un regista che risulta ancora oggi un maestro di stile e un esempio di capacità nell’utilizzazione del linguaggio audiovisivo. I suoi film sono rarissimi in televisione e i passaggi sul piccolo schermo sono spesso limitati a due opere: Io la conoscevo bene (1965), il suo capolavoro (interpretato da Stefania Sandrelli) , e La Parmigiana (1963). Ma non ci si può dimenticare de Lo scapolo del 1955, con uno straordinario Alberto Sordi, di Questi fantasmi (1960) con Marcello Mastroianni e Vittorio Gassman, e de Il magnifico cornuto del 1964, interpretato da un Ugo Tognazzi in grande forma.


Il mercato dei dvd è altrettanto poco sensibile a questo talento. Sono rintracciabili Il magnifico cornuto, Adua e le compagne (1960) e, in un cofanetto dedicato alla figura di Sordi, Lo scapolo.

Ora però, è disponibile, edito da Minerva Classic, La visita, uno dei suoi film più riusciti. Si tratta di un’opera del 1964 ed è uno dei titoli in cui il regista romano diresse Sandra Milo. Non sembri questa notazione priva di rilevanza, poiché proprio la prestazione della nota attrice rappresenta uno dei punti di forza del lungometraggio.

Al centro della vicenda una figura femminile, quella della delicata e solitaria Pina, lavoratrice della bassa mantovana, che cerca senza grandi speranze e un po’ di malinconia un marito tramite una rubrica che si chiama “La posta del cuore”. Dopo un rapporto epistolare, andrà così a trovarla Adolfo, un commesso di una libreria di Roma. Si tratta di un uomo mediocre, furbastro e volgare che cerca solo di entrare in contatto con una donna che possa migliorare la sua condizione economica.


Il film si svolge quasi integralmente nella casa di Pina e si evolve narrativamente attraverso un intreccio di presente e passato che serve a fornire elementi significativi sulle esistenze dei due protagonisti. Viene fuori un ritratto amaro di due distinti caratteri italiani: quello provinciale ingenuo e puro, quello cittadino disincantato e bassamente materialista.

Pietrangeli edifica un impianto visuale di grande impatto e costruisce un mosaico registico basato sulla solidità delle inquadrature ma anche sulla essenziale modernità dei movimenti di macchina.


La visita è un esempio di stile e di regia, un’opera che conferma le qualità creative di un autore che ha utilizzato la macchina da presa sempre con assoluta accortezza, cercando di ricreare un mondo espressivo personale.
Il dvd pubblicato da Minerva Classic, è il risultato di un restauro in digitale che ha restituito alle inquadrature di Pietrangeli tutta la loro forza comunicativa e compositiva.


©CultFrame 06/2006

 

CREDITI

Titolo: La visita / Regia: Antonio Pietrangeli / Sceneggiatura: Antonio Pietrangeli, Ruggero Maccari, Ettore Scola / Fotografia: Armando Nannuzzi / Montaggio: Eraldo Da Roma / Musica: Armando Trovajoli / Interpreti: Sandra Milo, François Perire, Gastone Moschin / Anno: 1963 / Durata: 110 minuti / Dvd: 1 / Etichetta: Minerva Classic / Collana: La memoria del cinema italiano / Extra: Interviste Scola e Paolo Pientrageli. Commento Flavio De Bernardinis / Video: 16/9 / Audio: Italiano 2.0 / Sottotitoli: Inglese

 

LINK

Filmografia di Antonio Pietrangeli

Minerva Classic/RaroVideo

 

Tags: , , , , , , , , , , ,

Lascia un commento

Newsletter

Iscriviti alla newsletter di CultFrame - Arti visive

Archivi