Wake Me Up When September Ends. Videoclip dei Green Day

green_day-wake_me_up-when_september_endsIl linguaggio del videoclip è ormai perfettamente codificato. Inquadrature brevi, montaggio molto ritmato, impostazione formale visionaria. Intorno a questi tre elementi si snoda il videoclip come dispositivo di comunicazione che intende colpire soprattutto le fasce giovanili, quelle che il mercato ha individuato come le porzioni sociali che contengono i potenziali acquirenti di cd.

Eppure, ci sono delle eccezioni, a volte molto interessanti. Una di queste è senza dubbio quella relativo al video del brano Wake Me Up When September Ends.


Il regista Samuel Bayer e i Green Day hanno infatti concepito un documento audiovisivo che per fattori linguistici e stilistici si avvicina più a un film che a una clip musicale.

Nella sua versione completa, oltretutto, il video in questione è aperto da una lunghissima scena altamente cinematografica nella quale un ragazzo e la sua fidanzata amoreggiano e si parlano mentre sono immersi nel verde di una campagna decisamente romantica.

La dimensione narrativo/musicale di questo “corto-clip” parte con un primissimo piano del cantante solista dei Green Day e con l’inizio vero della storia che vede il protagonista della vicenda ritrovarsi con un mitra in mano nell’inferno dell’Iraq. Seguono delle sequenze tipicamente cinematografiche che fanno venire in mente tutti i capolavori del genere da Salvate il soldato Ryan di Steven Spielberg a Black Hawk Down di Ridley Scott.

La citazione più plateale però è quasi in apertura, quando Bayer decide chiaramente di omaggiare Stanley Kubrick riproponendo con precisione filologica la scena del taglio dei capelli delle neoreclute, esattamente come avviene in Full Metal Racket.


Wake Me Up When September Ends è un videoclip senza dubbio da vedere e apprezzare, non solo per i suoi riferimenti filmici ma soprattutto per la volontà da parte degli autori di realizzare un prodotto audiovisivo fuori dagli stereotipi e dai codici già sperimentati.


©CultFrame 11/2005

 

 

CREDITI

Brano: Wake Me Up When September Ends / Interprete: Green Day / Album: American Idiot / Regia: Samuel Bayer / Etichetta: Reprise Records, 2005

 

LINK

Green Day – Il sito