Retrospective. Un libro di Bettina Rheims

bettina_rheims-retrospectiveUna donna ripresa di spalle. E’ inginocchiata sopra un letto; indossa solo calze a rete ed è ammanettata alla testiera del letto stesso. La luce è sparata, l’inquadratura equilibrata ed apparentemente sciatta, il tono espressivo morboso, lo stile tipico della fotografia fetish anni sessanta e delle riviste porno soft.
Due giovani donne di Shanghai seminude posano frontalmente davanti all’obiettivo indossando due maschere: una femminile, l’altra maschile. L’ambientazione è squallida: un divano beige, un tavolino basso, sullo sfondo una finestra che lascia intravedere un palazzo.

Due scatti, quelli appena descritti, realizzati a circa venti anni di distanza. Il primo nel 1981 (Nu de dos attaché à mon lit), il secondo nel 2002 (Masques d’opéra photographiés sur deux amies). Rappresentano in pieno il percorso evolutivo della fotografa francese Bettina Rheims che nell’arco della sua carriera ha mutato più volte stile ad ha attraversato diversi territori contenutistici.


Le immagini di cui abbiamo parlato aprono e chiudono un bel volume, edito da Schirmer/Mosel, intitolato Retrospective. Il libro ripercorre la carriera di un’artista che ha cercato sempre di esprimersi in modo anticonvezionale e acutamente provocatorio. Certo l’elemento femminile, in tutta la sua complessità rappresenta uno degli aspetti che maggiormente hanno stimolato la vena creativa di Bettina Rheims che, oltretutto, non si è mai posta di fronte a tale fattore seguendo una concezione bloccata e rigida.
Le immagini di Chambre Close, serie realizzata nel 1991, sono basate sulla esposizione esplicita, ma metaforica, di una sensualità che passa anche attraverso il concetto di nudità e di stereotipo, quest’ultimo tipico dell’immaginario maschile. Eppure, la forte tendenza iconica di queste fotografie rende le modelle veri e proprio simboli di una femminilità mitica, spregiudicata, densa di vitalità e di eros. Ne Les Espionnes (sempre del 1991) la stilizzazione della figura femminile procede invece lungo altre coordinate. Il bianco e nero e le inquadrature frontali diventano elementi costitutivi di una femminilità ambigua, aggressiva e statuaria. In Morceaux choisis (2001), lo stile di Bettina Rheims si colloca in una raffigurazione “hard” che miscela sapientemente la scelta di mostrare l’azione di un amplesso con la decisione compositiva di inserire fattori che siano in grado di determinare una forte sensazione di straniamento.

Ma scorrendo le pagine del libro ci si può imbattere anche in un sorprendente e straordinario lavoro denominato Animal, lavoro portato a termine tra il 1982 e il 1994. Si tratta di impressionanti ritratti di animali in bianco e nero. Un cane barboncino, un’oca, un piccione bianco, un gatto, un pellicano. Ciò che emerge da queste opere è che lo sguardo di questi animali è in grado di comunicare al fruitore delle sensazioni, forse inspiegabili, che colpiscono la parte più profonda della sua sfera interiore. E’ come se gli occhi intensissimi di un felino o quelli fissi di una scimmia riuscissero a raccontare l’essenza perduta dell’uomo, quella naturale e istintiva.

Altra serie interessante, e controversa, è inoltre quella intitolata INRI (1997 – in collaborazione con Serge Bramly), nella quale l’artista parigina ha utilizzato simbologie cristiane per un discorso estetico provocatorio, questa volta in linea con una certa tendenza della fotografia contemporanea.

Da notare, infine come Retrospective sia aperto da alcuni contributi scritti firmati da Serge Bramly, Jean-Christophe Ammann, Berndt Arell e Kim Levin.


©CultFrame 02/2005

 

 

CREDITI

Titolo: Retrospective / Autore: Bettina Rheims / Editore: Schirmer/Mosel, 2004 / 207 pagine / ISBN: 3829600615

 

 

LINK

Immagini realizzate da Bettina Rheims

Serie di immagini di Bettina Rheims

Casa editrice Schirmer/Mosel

 

 

INDICE DEL LIBRO

 

Serge Bramly / Bettina Rheims – Retrospective / Bettina Rheims – Retrospektive
Jean-Christophe Ammann / Whichever way – I want you to photograph me / So oder so – ich will, das du mich fotografierst
Berndt Arell / Play with identities / Splet mit identitäten
Kim Levin / Bettina Rheims: The vulnerable image / Bettina Rheims: Das verletzliche Bild
Plates/Tafeln
Apendix / Anhang
Biography / Biographie
Personal Exhibitions (Selection)/Einzelausstellungen (Auswahl) / Group Exhibitions (selection) / Gruppenausstellungen (Auswahl)
Literature / Bibliographie
Public & Institutional Colections / Werke in öffentlichen Sammlungen
Exhibited Works / Die ausgestellten Werke