Mystic River. Il film di Clint Eastwood in dvd

di Manuel Bellicchi

clint_eastwood-mystic_river-dvdLo scorso marzo l’Academy ha sprecato un’occasione, quella di premiare una grande storia americana. La statuetta per il miglior film è andata a Il Signore degli Anelli – Il ritorno del re e Mystic River si è dovuto accontentare dei premi agli attori maschili: Sean Penn e Tim Robbins. Eppure la pellicola di Eastwood è qualcosa che non si dimentica. Fedele ad un modo di raccontare che ha l’andamento dei classici, il regista ci consegna il suo Nascita di una Nazione, inserendosi in un percorso tracciato contemporaneamente – seppur diversamente – anche da Martin Scorsese e Spike Lee, in quella che è una vera e propria trilogia della civiltà americana. E se in Gangs of New York il furore registico prende la mano a Scorsese, traboccando in una misura ciminiana, Mystic River fa suo il linguaggio della trasparenza e del cinema di genere, che occulta la regia dietro una grammatica da manuale, senza trucchi. Ma tra i dolly e i controcampi, tra le pieghe della messa in scena, si scorge la personalissima riflessione dell’autore su una nazione cresciuta con la legge del più forte, dove il passato è un peso da portare e il sangue il collante che tiene insieme i mattoni delle case (si veda a proposito l’ultima sequenza, un vero capolavoro di regia e montaggio). C’è sempre in Eastwood questa consapevolezza dolente e luttuosa, che nel penultimo Blood Work prendeva la forma di un “cuore nero”, palpitante sotto la cicatrice di un’America esangue, ma che spesso ha assunto le sembianze del fantasma. Mai sopra le righe, coraggioso nelle scelte e soprattutto assolutamente indifferente alle tendenze del cinema modaiolo, Eastwood è un vero director americano, con tutte le sue contraddizioni e sfaccettature, capace di passare da opere “maggiori” (Un mondo perfetto, Gli spietati, Bird) a piccoli gioielli “imperfetti” (Potere assoluto, Fino a prova contraria, Space Cowboys), senza dogmi o proclami, solo con il mestiere dei grandi.

Per un capolavoro del genere era lecito aspettarsi un’uscita dvd all’altezza, eppure l’edizione a due dischi, distribuita dalla Warner, dà l’idea di qualcosa messo insieme di fretta. Gli appassionati di contenuti speciali rimarranno un po’ delusi, soprattutto dal fronte “scene tagliate” (inesistenti). Da questo punto di vista, però, quello che potrebbe sembrare un difetto conferma, se ancora ce ne fosse bisogno, che Eastwood è un autore all’antica e con le idee chiare, di quelli che non buttano via un ciak, come Ford o Hawks. E’ sufficiente seguire le interviste sparse nei due cd per capire il suo approccio al lavoro: 2/3 riprese per scena, non di più, poi assemblate in cabina di montaggio con il fedele Joel Cox. Un metodo assai apprezzato dagli attori, che non dimenticano mai di sottolineare la piacevole atmosfera del set. E sono appunto le dichiarazioni di Eastwood le cose maggiormente interessanti, soprattutto quelle che troviamo in Mystic River: Dalla Pagina allo Schermo, dove il regista cita i suoi “maestri”. Tra questi John Huston, del quale riporta il principio di girare ogni scena come se fosse la più importante, e soprattutto Don Siegel, forse il vero punto di riferimento eastwoodiano. Ma i dieci minuti di questo “making of”, che si trova nel primo disco, vengono riproposti identici anche nel secondo, mentre non c’è traccia del commento di Tim Robbins e Kevin Bacon al film, indicato nella fascetta. Sul secondo disco: 2 trailer, Mystic River: Dietro la Storia (un po’ ripetitivo) e tre lunghe interviste di Charlie Rose al regista, Tim Robbins e Kevin Bacon. Se Robbins si sofferma sul problema della libertà di espressione nell’America di Bush, Eastwood traccia invece un bilancio dei suoi anni ’90, ribadendo ancora la necessità di un cinema alla “vecchia maniera”. Ma la ricchezza di questa confezione non è nei suoi contenuti speciali, sta piuttosto dentro i 130 minuti del film.

©CultFrame 07/2004 

 

CREDITI
Film: Mystic River / Regia:Clint Eastwood / Etichetta: Warner / 2 Dvd / Extra: Trailers, Making Of, Interviste / Audio: Dolby Digital 5.1 – Italiano, Inglese / Video: 2,40:1
Sceneggiatura: Brian Helgeland (dal romanzo di Dennis Lehane) / Montaggio: Joel Cox / Scenografia: Henry Bumstead / Fotografia: Tom Stern / Musica: Clint Eastwood, Lennie Niehaus / Interpreti: Sean Penn, Tim Robbins, Kevin Bacon, Laurence Fishburne / Produzione: Clint Eastwood, Judie Hoyt, Robert Lorenz / Paese: USA, 2003 / Durata: 137 minuti

LINK
CULTFRAME. Mystic River. Un film di Clint Eastwood
CULTFRAME. Gran Torino. Un film di Clint Eastwood
CULTFRAME. Changeling. Un film di Clint Eastwood
CULTFRAME. Flags of Our Fathers. Un film di Clint Eastwood
Sito ufficiale del film Mystic River di Clint Eastwood
Filmografia di Clint Eastwood
Warner Home Video

Tags: , , ,

Lascia un commento

wenders incontra salgado



Il sale della terra: il docufilm di Wenders pecca di celebrazione (di Maurizio G. De Bonis - Punto di Svista)

[...] si tratta di un’agiografia priva di analisi e di approfondimento che, dunque, pone lo spettatore di fronte a un soggetto praticamente intoccabile. Così, ne Il sale della terra le sublimi e atroci immagini delle miniere d’oro in Brasile (Serra Pelada) finiscono incredibilmente per avere lo stesso valore degli inutili e banali scatti de [...]

Newsletter

Iscriviti alla newsletter di CultFrame - Arti visive

Archivi