Strategie del corpo. Il concetto di fisicità nel Novecento, da Picasso a Piero Manzoni

di Maurizio G. De Bonis

jan_saudek-senza_titoloUna giovane donna distesa per terra. I capelli neri sparsi, le braccia allargate, le gambe tese e leggermente divaricate. La sua schiena delicata e sottile è poggiata sul tessuto di una camicia bianca che lascia scoperto il suo busto. I seni minuscoli, il fisico asciutto. Immagine enigmatica, carica di valenze simboliche. La ragazza sembra morta ma potrebbe anche essersi abbandonata ad un sonno profondo o anche, semplicemente, giacere tranquilla dopo un amplesso. E’ una splendida fotografia del maestro dell’erotismo giapponese, Nobuyoshi Araki, artista celebrato in tutto il mondo, il cui lavoro, al centro di imponenti personali nei maggiori istituti museali internazionali, nasce da una vivace bulimia creativa e da un attaccamento profondo alla vita.

Questo scatto è parte integrante di una mostra allestita presso la Living Gallery TA MATETE di Roma del Gruppo ART’E’. L’esposizione, denominata Strategie del corpo è incentrata su un percorso multiforme che intende evidenziare come l’oggetto-corpo sia stato nel Novecento al centro di un complesso discorso teorico connesso al concetto di rappresentazione della fisicità. Il percorso comprende trentacinque diverse composizioni di numerosi autori: da Filippo De Pisis a Renato Guttuso, da Gustav Klimt a Osvaldo Licini, fino a Pablo Picasso e alla più che nota Merda d’artista di Piero Manzoni.

 bernard_plossu-messico


Nell’ambito di questa sofisticata griglia espositiva, l’arte fotografica ha trovato una collocazione centrale. Oltre al già citato maestro nipponico, sono presenti nudi femminili realizzati nel 1900 da Vincenzo Galdi, Francesco Paolo Michetti e Guglielmo Plüschow. Due opere dal sapore neoclassico e leggermente kitsch, ripropongono invece l’universo poetico di Wilhelm von Gloeden, nobile tedesco che all’inizio del secolo scorso si stabilì in Sicilia e grazie ad un trasgressivo (per l’epoca) senso espressivo si dedicò a celebrare la statuaria e primordiale fisicità dei giovani isolani.

Due lavori di Jan Saudek, altro maestro riconosciuto dell’erotismo fotografico, ci riportano invece in un mondo carico di effetti cromatici e basato su una tendenza ad agire in un campo creativo caratterizzato da una forte dilatazione espressiva e da una concezione fantasiosa ed onirica dell’immagine femminile.

 

vincenzo_galdi-nudo_femminileInfine, la stampa fotografica che forse per delicatezza estetica si accosta maggiormente all’opera di Araki con la quale abbiamo aperto. Stiamo parlando di Mexique di Bernard Plossu.

La fotografia in questione esalta un’idea stilistica concentrata su un doppio livello: da una parte una chiara attenzione verso la composizione dell’inquadratura, dall’altra l’esigenza di affrontare il tema dell’eros suggerendo al fruitore delle sensazioni interiori. L’equilibrio formale è notevole e millimetricamente organizzato. Alcune linee parallele ed altre diagonali creano uno schema visuale ordinato e composto che viene arricchito a livello figurativo dal volto addormentato del soggetto maschile (nell’angolo in basso a destra) e dalle sinuose e morbide gambe femminili abbandonate su un divano…dopo l’amore. Ma forse si tratta solo di un sogno, di una fantasia.


©CultFrame 03/2004

 

 

IMMAGINI

1 Jan Saudek. Senza titolo, 1990

2 Bernard Plossu. Mexique, 1965 ca

3 Vincenzo Galdi. Nudo femminile, 1900 ca.


INFORMAZIONI

Strategie del corpo. Il concetto di fisicità nel Novecento, da Picasso a Piero Manzoni

Dal 26 febbraio al 25 aprile 2004

Living Gallery TA MATETE / Via della Pilotta 16, Roma / Telefono: 066791107

Martedì – domenica 11.00 – 21.00 (chiuso lunedì) / Ingresso libero

 

LINK

CULTFRAME. Viaggio sentimentale. Mostra di Nobuyoshi Araki

Tags: , , ,

Lascia un commento

Newsletter

Iscriviti alla newsletter di CultFrame - Arti visive

MOSTRA DEL CINEMA DI VENEZIA


LEONE D'ORO per il miglior film
A Pigeon Sat on a Branch Reflecting on Existence di Roy Andersson

LEONE D'ARGENTO per la migliore regia
Le notti bianche del postino (The Postman’s White Nights) di Andrey Konchalovsky

GRAN PREMIO DELLA GIURIA
The Look of Silence di Joshua Oppenheimer

COPPA VOLPI per la migliore interpretazione maschile e femminile a Adam Driver e Alba Rohrwacher
Hungry Hearts di Saverio Costanzo
(su Punto di Svista)

PREMIO PER LA MIGLIOR SCENEGGIATURA
Tales di Rakhshan Banientemad

PREMIO SPECIALE DELLA GIURIA
Sivas di Kaan Mujdeci

CONCORSO
Pasolini di Abel Ferrara

CONCORSO
Red Amnesia di Wang Xiaoshuai

CONCORSO
Nobi di Shinya Tsukamoto

FUORI CONCORSO
La trattativa di Sabina Guzzanti

CONCORSO
Loin des hommes di David Oelhoffen

CONCORSO
Il giovane favoloso di Mario Martone

CONCORSO
The Cut di Fatih Akin

GIORNATE DEGLI AUTORI
The Smell of Us di Larry Clark

FUORI CONCORSO
Tsili di Amos Gitai

SETTIMANA INTERNAZIONALE DELLA CRITICA
Villa Touma di Suha Arraf

CONCORSO
Tre cuori di Benoit Jacquot

CONCORSO
Anime nere di Francesco Munzi
(su Punto di Svista)

CONCORSO
Manglehorn di David Gordon Green

FUORI CONCORSO
L’umiliazione di Barry Levinson

FUORI CONCORSO
La rançon de la gloire di Xavier Beauvois

FUORI CONCORSO
She’s Funny That Way di Peter Bogdanovich

FUORI CONCORSO
In the Basement di Ulrich Seidl

CONCORSO
99 Homes di Ramin Bahrani

ORIZZONTI
The President di Mohsen Makhmalbaf

CONCORSO
Birdman di Alejandro G. Inarritu

GIORNATE DEGLI AUTORI
One on One di Kim Ki-duk

GIORNATE DEGLI AUTORI
MESSI di Alex de la Iglesia

Archivi