Elvis & Presley. Mostra di Robert Huber e Stephan Vanfleteren

robert_huber-stephan_vanfleteren-elvis_presleyDa Times Square alla Death Valley, due artisti con occhialoni neri, abiti sfavillanti e capigliature posticce dall’acconciatura caratteristica, compiono nel maggio del 1999 il loro “pellegrinaggio” sulle orme di uno dei più inossidabili miti americani d’oggi – quello di Elvis Presley (“The King”) -, che documentano in un diario per immagini, con le foto che si scattano l’un l’altro. Questo progetto, che nell’anno scorso ha vinto un premio per le foto relative alle storie d’arte, è ora in una mostra agli Centro Internazionale di Fotografia Scavi Scaligeri di Verona.

Nelle vesti di Elvis (lo svizzero Robert Huber) e in quelle di Presley (il belga Stephan Vanfleteren), partono da New York e s’inoltrano nella provincia americana, attraversando Cleveland, Cincinnati, Nashville, Menphis, Las Vegas, ed altre località meno note, fino in Arizona; i due attraggono folle (distratte dalla vita quotidiana, ma colte nel loro ambiente) registrandone, il primo in bianco e nero, il secondo a colori, le differenti reazioni alla loro vista. Il risultato ha del clamoroso, come confermano anche le annotazioni quotidiane scritte della loro esperienza.

Gli Americani amano “The King” e, si sa, sono talvolta perfino disposti a crederlo ancora vivo. Le reazioni di chi li incontra sono, così, le più disparate: dal predicatore invasato che ingiunge di non imitare un tale “cattivo soggetto”, alle folle incuriosite ed adoranti che vengono ad attorniarli chiedendo loro di cantare, fino alle prostitute ed ai barbieri che offrono sconti o servizi gratis. Lungo le strade, che Elvis Presley ha percorso nel suo cammino verso lo status di mito, Huber e Vanfleteren trovano “santuari” ed adoratori, ma anche gente divertita un po’ nostalgica: impossibile, in ogni caso, passare ignorati; il diario scritto si conclude con una frase significativa: “Mentre camminiamo, vestiti normalmente, ci sembra strano non sentire nessuno dire – Ti amo -“.

Le immagini della mostra sono belle, talora dall’aria patinata, pur componendo a tutti gli effetti un reportage; i particolari tagli accrescono l’intenzione celebrativa di un mito legato ai propri luoghi.
Queste foto vanno, però, ben oltre, facendo emergere la necessità che ha la gente comune, di interagire coi propri divi, e aprendo un’ulteriore questione, di carattere sociale, riguardante il già indagato senso dei miti contemporanei.

© CultFrame 10/2001

IMMAGINE
Robert Huber e Stephan Vanfleteren. Death Valley, California, 1999

INFORMAZIONI
Elvis & Presley – Robert Huber e Stephan Vanfleteren
Dal 28 settembre 2001 al 6 gennaio 2002
Centro Internazionale di Fotografia Scavi Scaligeri / Piazza Dante Alighieri, Verona / Telefon:o 045.8001903
Orario: 10.00 – 19.00 / chiuso lunedì

LINK
Il sito di Robert Huber
Il sito di Stephan Vanfleteren
Scavi scaligeri, Verona