Mostra di Frank Horvat a Firenze

frank_horvat-parigiAntonioni più teatro giapponese più Coco Chanel. E se fosse questa la “composizione” di Frank Horvat, il segreto del suo fascino inquietante e remoto? Del grande fotografo croato (è nato ad Abbazia nel 1928, quando la cittadina era ancora italiana), la libreria Assolibri presenta per la prima volta a Firenze una succinta antologia di venti scatti compresi tra il 1950 e il 1962, a cura dello stesso autore. La mostra è piccola e densa, un vero distillato dei tratti caratteristici di questo artista singolare, che ha saputo fare del mondo della moda un universo astratto, imperturbabilmente tragico (tra il ’57 e il ’62 ha lavorato per le riviste più prestigiose, quali Jardin des Modes, Elle, Glamour, Vogue, Harper’s Bazaar), e al tempo stesso ha intravisto nella vita quotidiana la pura bellezza delle forme.

 

Con Horvat, come con Chanel, suo implicito alter ego, la moda esce dagli atelier dei grandi sarti e scende in strada, si mescola alla folla dei locali notturni e dei mercati. Con un effetto sorprendente: cioè senza “democratizzarsi”. Le donne di Horvat portano in giro i loro abiti da sera e i loro fantasmagorici cappelli come gli attori greci indossavano i coturni, o con la stessa regale lontananza con cui gli interpreti kabuki trasformano il proprio volto in una maschera. Intorno a loro, gli uomini non sono che grotteschi intrusi, eleganti lacchè da varietà, ombre cinesi. Ma dal bianco e nero, Horvat sa estrarre molto altro: migliaia di chiaroscuri, la nitidezza tagliente dei contrasti, la vertigine del movimento – sia una bambina che vola sull’altalena in un cortile del Cairo o la folla sfocata e tumultuosa di Saint Germain. E soprattutto, la modernità. Senza essere un “documentarista”, infatti, Horvat ha saputo cogliere, testimoniandola in prima persona, la grande rivoluzione incruenta degli anni cinquanta e sessanta, capace ancora oggi di stupire noi smarriti voyeurs, postmoderni.

 

 

©CultFrame 12/2000

 

 

 

IMMAGINE

Parigi, 1958

 

INFORMAZIONI

Dal 7 dicembre 2000 al 31 gennaio 2001

Assolibri / Via del Sole 3/r, Firenze / Telefono 055284533

Orario: tutti i giorni 15.30 – 19.30 / chiuso domenica e lunedì mattina

Lascia un Commento

Il tuo intervento è importante per noi, assicurati soltanto di rispettare alcune regole sui commenti.

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>